Il governo, nostro padre apprensivo

di Alejandro Nanni, studente
(10.10.2020)

Ma avrà fine questo atteggiamento che ha preso il governo – rilanciato anche da sindaci e presidenti di regione – da padre apprensivo? Avrà fine o è destinato, come pare in questi giorni, a diventare stabile e inoppugnabile? Lui sa cos’è meglio per noi, e ora il nostro babbo ci toglie la paghetta se non indossiamo la mascherina.

Non si sente più neppure il bisogno di motivazioni valide, di argomenti razionali: i poteri assoluti del re sono stati estesi per un tempo ancora più lungo. Il cittadino, considerato incapace di provvedere a se stesso, viene privato della possibilità di decidere come comportarsi, di esercitare la sua responsabilità soggettiva, trattato come un criminale se rivendica il diritto di capire e di scegliere quale sia l’atteggiamento più responsabile da prendere, umiliato come un bambino stupido da punire se non obbedisce. E se non concordi sulle norme sovranamente calate dall’alto, se eserciti il diritto di critica sei tacciato di essere depensante.

Probabilmente non ci sarà una seconda quarantena; persino Conte pare rendersi conto di quanto sarebbe disastrosa per l’Italia. Persino Conte pare capire che la gerarchia delle emergenze, in questa fase, è un’altra: si sono accorti che esiste – se non la scuola, se non la stessa vita – almeno l’economia.
Ma la cosa che più ci rattrista è la rassegnazione preventiva: si sente gente affermare che sarebbe contenta di tornare in quarantena se è “per il bene di tutti”. Ma cos’è questo bene di tutti? Sembra qualcosa di definito, preciso, unico e indiscutibile. Deleghiamo il governo a scegliere qual è il bene di tutti?

Poteri speciali

COVID-19. Conte insiste con i poteri speciali. Il parere di un medico in prima linea
di Carlo Frigerio
Civica

Questo testo-intervista ci sembra da leggere per due ragioni: 1) stigmatizza la ormai chiara manipolabilità della Costituzione, che significa la fine della sua natura rigida, quella che nonostante tutto ha salvaguardato la democrazia in Italia; 2) evidenzia il fatto basilare, e che i media obbedienti sfruttano ogni giorno, relativo alla confusione tra positività e malattia.


Un paziente Padre costituente, ci protegge e guida, a nostra insaputa… 

Stiamo sereni, lo stato di emergenza sanitaria nazionale che doveva scadere il 31 luglio è prorogato fino al 15 ottobre ( pare del 2020…). Lo ha deciso il Consiglio dei Ministri il 29 luglio 2020, dopo che il premier Conte era stato alle Camere a spiegare con il suo consueto stile, molto sobrio, l’intenzione di prorogare l’allarme rosso. Conte si è preso la soddisfazione di avere in mano la sua maggioranza composta da Grillini-Piddini-sinistra-Leu, che lo sorregge e incoraggia, al di là di ogni ragionevole evidenza, semplicemente chiudendo gli occhi e le orecchie. Nella foto in evidenza il premier si è poi preso la soddisfazione fuori da Montecitorio, insieme con Fico e Gualtieri di “suonare” un pezzo agli Italiani, da buon batterista insieme con i Rulli Frulli. Alla sera il CdM ha approvato un nuovo decreto legge. Nel dibattito parlamentare lo statista pugliese con la pochette si è lanciato oltre la scia di Monti. L’ha superato in originalità e sfrontatezza. Tanto si può dire di Monti, ma non le ha mai dette così grosse in punta di diritto. Vediamone un paio tratte dal discorso di replica che ha tenuto al Senato. La prima è stratosferica, per cultori della materia “difesa della Costituzione”, monopolio della sinistra, che tace esponendosi all’accusa di ignavia; Dante  tali peccatori “che mai non fur vivi” lì punì severamente. Sentiamo cosa ha detto  il Capo dell’Esecutivo a proposito della Carta:

”…abbiamo dovuto costruire un percorso normativo ad hoc che non era previsto in particolare nel dettato costituzionale. Però non dobbiamo confondere il fatto che non ci sia un percorso ad hoc nella nostra Costituzione col fatto che non si debba intervenire per adottare misure e per perseguire un iter normativo specifico nel segno evidente della tempestività degli interventi e dell’efficacia degli interventi normativi e anche operativi.“

Che bravo… Ci ha pensato lui a integrare e rigirare la Costituzione, come avvocato del popolo lo può fare, abbiamo un nuovo Padre costituente, che ci sorveglia e protegge da noi stessi. La seconda idea è meno forte ma più spettacolare. I senatori grillini, piddini, comunisti e sinistri governativi sono impazziti dalla gioia a sentire tali parole:

….è cronaca di queste ore su cui anche le forze dell’opposizione, immagino, sono particolarmente sensibili – di perseguire con tempestività ed efficacia un piano di sorveglianza sanitaria dei migranti dove, alla luce delle norme attuali, abbiamo addirittura difficoltà a operare una requisizione altrimenti di navi traghetto dove vorremmo, ovviamente, perseguire e assicurare lo svolgimento delle quarantene e quindi un programma adeguato ed efficace di sorveglianza sanitaria dei migranti; e, ancora, ci consentono di perseguire quel ripristino pieno delle attività di amministrazione della Giustizia nonché anche di piena sicurezza sanitaria negli Istituti penitenziari, attività – in particolare di amministrazione della Giustizia-  che abbiamo dovuto sospendere per le note ragioni. Ho parlato quindi di una proroga dello “stato di emergenza” imposta da ragioni squisitamente tecniche…”

Molto bene, vediamole queste considerazioni tecniche. Peccato, le ha segretate. Non sono state pubblicate, il Governo non ha alcuna intenzione di farle vedere, apponendo il segreto. In pratica dice che nelle carte c’è tutto, ma non le fa vedere. Insomma, si fa tutto questo sulla fiducia che si deve riporre nel portatore sano della pochette più elegante d’Italia.

A questo punto il giornale Civica ha chiesto ad un medico di base, Carlo Frigerio, operante nell’area metropolitana di Milano un suo autorevole parere e per questo lo ringraziamo.

(nella foto in evidenza: il premier Conte, parte del Governo con il presidente Fico si esibiscono prima del CdM con una breve suonata di batteria con la banda Rulli Frulli con disabili  in piazza Montecitorio)

COVID, il punto tecnico medico

L’Italia è oggi alle prese con gli esiti di una dichiarata pandemia mondiale. Con gli esiti, attenzione, non più con la malattia. Vale la pena, compiere qualche riflessione su ciò che è stato e su ciò che ne consegue. La virologia ha avuto il suo momento di popolarità con tutti i riflettori puntati sui pochi esperti che tuttavia si trovavano alle prese con una novità assoluta. C’è stata una sovraesposizione mediatica delle tematiche sanitarie; i dibattiti che dovevano restare confinati all’interno di una pure aspra discussione medico scientifica (ma sempre condotti da esperti qualificati), sono stati trascinati in ambiti impropri.

La popolazione in ciò ha colto più le contraddizioni che i progressi che si sono comunque conseguiti. La telecronaca epidemiologica quotidiana ha contribuito a diffondere timore, utile per ottenere comportamenti consapevoli, ma al tempo stesso ha prodotto incertezza, frustrazione e sfiducia nel futuro. Tuttologi dell’ultima ora, ancora oggi impartiscono lezioni ad un popolo, quello italiano, incline ormai a considerare verosimile solo ciò che preoccupa.

In questi giorni l’informazione, dei grandi network e quella ufficiale, deliberatamente si accanisce a introdurre altra confusione nella testa delle persone, con l’equiparazione dei “casi positivi” con i casi di effettiva “malattia”. La positività al tampone nasofaringeo per COVID-19, coronavirus, non equivale all’essere affetti da malattia. Quest’ultima si identifica nella condizione morbosa respiratoria che l’alta carica virale può determinare in taluni soggetti. Sarebbe come dire che chi risulti allergico alle graminacee, corra il continuo rischio di morire per una grave crisi d’asma (anche a Natale quando non è più stagione pollinica); oppure che chiunque abbia un neo sulla pelle (tecnicamente un tumore benigno) abbia il cancro.

Sembra essersi invertito il principio del “diritto alla salute” in “dovere alla salute” (sia per il dovuto rispetto verso gli altri ma anche per il timore di essere quarantenati o di subire un TSO). Da ora in avanti sarà meglio parlare di “diritto alle cure”. E’ molto imbarazzante la totale assenza di supporto da parte delle aziende territoriali sanitarie -ATS, le ex USSL. Hanno messo al sicuro il loro personale amministrativo con lo smart working, dopo di che sembravano evaporate. I clinici, cioè i medici dedicati alla fattiva cura dei pazienti, sono stati all’inizio sopraffatti dall’urto; frettolosamente promossi ad eroi, ora si trovano esausti, disorientati dalla mancanza di protocolli di comportamento convincenti e soprattutto davvero applicabili. Il Sistema Sanitario Nazionale, che ha retto finora solo grazie alla responsabilità degli operatori, non sarà in grado di alcun rilancio. La rapida conversione degli ospedali Centri Covid non potrà vedere una riconversione altrettanto rapida. Le liste d’attesa finora congelate, saranno aggravate dalle normative igieniche e perciò allungate a dismisura. Inoltre, anche considerando la disponibilità del Governo a nuove assunzioni in ambito medico, occorre ricordare che il bacino da cui attingere nuovi professionisti è pressoché inesistente (frutto soprattutto del numero chiuso in facoltà).

Il prossimo futuro.

Storicamente le ricerche volte alla scoperta di farmaci antivirali sono spesso state frustrate da successi assai modesti. La strada vaccinale appare lunga ed incerta. Tuttavia occorre ricordare che la pericolosità di una qualsiasi infezione virale si misura in base all’indice di mortalità e di morbilità. Ad oggi entrambi appaiono pienamente sotto controllo in Italia. L’esperienza maturata in ambito medico ormai è ampia e consolidata e le strategie di cura affinate.

Un’eventuale seconda ondata potrà essere solo secondaria a importazione di virus selvaggio da quei paesi oggi ancora coinvolti nella pandemia. Più probabile l’ipotesi di focolai isolati di positività al virus, da cui deriveranno alcuni casi sintomatici, perfettamente arginabili con le misure igieniche già in atto e con adeguate cure laddove occorresse.

Resta da cogliere la reale portata della crisi demografica già in atto da anni in Italia, con il presumibile peggioramento dell’indice di natalità. Quest’ultimo aspetto, finora rilevato da pochi (Comero del periodico Civica, il presidente dell’ISTAT…)  rappresenta un rischio che può avere un impatto implosivo per il nostro Paese.

Carlo Frigerio è medico chirurgo, specialista in pediatria, specialista in patologia neonatale  (per 20 anni medico ospedaliero, di cui 10 anni in reparti di pediatria e 10 anni in terapia intensiva neonatale)