Poteri speciali

COVID-19. Conte insiste con i poteri speciali. Il parere di un medico in prima linea
di Carlo Frigerio
Civica

Questo testo-intervista ci sembra da leggere per due ragioni: 1) stigmatizza la ormai chiara manipolabilità della Costituzione, che significa la fine della sua natura rigida, quella che nonostante tutto ha salvaguardato la democrazia in Italia; 2) evidenzia il fatto basilare, e che i media obbedienti sfruttano ogni giorno, relativo alla confusione tra positività e malattia.


Un paziente Padre costituente, ci protegge e guida, a nostra insaputa… 

Stiamo sereni, lo stato di emergenza sanitaria nazionale che doveva scadere il 31 luglio è prorogato fino al 15 ottobre ( pare del 2020…). Lo ha deciso il Consiglio dei Ministri il 29 luglio 2020, dopo che il premier Conte era stato alle Camere a spiegare con il suo consueto stile, molto sobrio, l’intenzione di prorogare l’allarme rosso. Conte si è preso la soddisfazione di avere in mano la sua maggioranza composta da Grillini-Piddini-sinistra-Leu, che lo sorregge e incoraggia, al di là di ogni ragionevole evidenza, semplicemente chiudendo gli occhi e le orecchie. Nella foto in evidenza il premier si è poi preso la soddisfazione fuori da Montecitorio, insieme con Fico e Gualtieri di “suonare” un pezzo agli Italiani, da buon batterista insieme con i Rulli Frulli. Alla sera il CdM ha approvato un nuovo decreto legge. Nel dibattito parlamentare lo statista pugliese con la pochette si è lanciato oltre la scia di Monti. L’ha superato in originalità e sfrontatezza. Tanto si può dire di Monti, ma non le ha mai dette così grosse in punta di diritto. Vediamone un paio tratte dal discorso di replica che ha tenuto al Senato. La prima è stratosferica, per cultori della materia “difesa della Costituzione”, monopolio della sinistra, che tace esponendosi all’accusa di ignavia; Dante  tali peccatori “che mai non fur vivi” lì punì severamente. Sentiamo cosa ha detto  il Capo dell’Esecutivo a proposito della Carta:

”…abbiamo dovuto costruire un percorso normativo ad hoc che non era previsto in particolare nel dettato costituzionale. Però non dobbiamo confondere il fatto che non ci sia un percorso ad hoc nella nostra Costituzione col fatto che non si debba intervenire per adottare misure e per perseguire un iter normativo specifico nel segno evidente della tempestività degli interventi e dell’efficacia degli interventi normativi e anche operativi.“

Che bravo… Ci ha pensato lui a integrare e rigirare la Costituzione, come avvocato del popolo lo può fare, abbiamo un nuovo Padre costituente, che ci sorveglia e protegge da noi stessi. La seconda idea è meno forte ma più spettacolare. I senatori grillini, piddini, comunisti e sinistri governativi sono impazziti dalla gioia a sentire tali parole:

….è cronaca di queste ore su cui anche le forze dell’opposizione, immagino, sono particolarmente sensibili – di perseguire con tempestività ed efficacia un piano di sorveglianza sanitaria dei migranti dove, alla luce delle norme attuali, abbiamo addirittura difficoltà a operare una requisizione altrimenti di navi traghetto dove vorremmo, ovviamente, perseguire e assicurare lo svolgimento delle quarantene e quindi un programma adeguato ed efficace di sorveglianza sanitaria dei migranti; e, ancora, ci consentono di perseguire quel ripristino pieno delle attività di amministrazione della Giustizia nonché anche di piena sicurezza sanitaria negli Istituti penitenziari, attività – in particolare di amministrazione della Giustizia-  che abbiamo dovuto sospendere per le note ragioni. Ho parlato quindi di una proroga dello “stato di emergenza” imposta da ragioni squisitamente tecniche…”

Molto bene, vediamole queste considerazioni tecniche. Peccato, le ha segretate. Non sono state pubblicate, il Governo non ha alcuna intenzione di farle vedere, apponendo il segreto. In pratica dice che nelle carte c’è tutto, ma non le fa vedere. Insomma, si fa tutto questo sulla fiducia che si deve riporre nel portatore sano della pochette più elegante d’Italia.

A questo punto il giornale Civica ha chiesto ad un medico di base, Carlo Frigerio, operante nell’area metropolitana di Milano un suo autorevole parere e per questo lo ringraziamo.

(nella foto in evidenza: il premier Conte, parte del Governo con il presidente Fico si esibiscono prima del CdM con una breve suonata di batteria con la banda Rulli Frulli con disabili  in piazza Montecitorio)

COVID, il punto tecnico medico

L’Italia è oggi alle prese con gli esiti di una dichiarata pandemia mondiale. Con gli esiti, attenzione, non più con la malattia. Vale la pena, compiere qualche riflessione su ciò che è stato e su ciò che ne consegue. La virologia ha avuto il suo momento di popolarità con tutti i riflettori puntati sui pochi esperti che tuttavia si trovavano alle prese con una novità assoluta. C’è stata una sovraesposizione mediatica delle tematiche sanitarie; i dibattiti che dovevano restare confinati all’interno di una pure aspra discussione medico scientifica (ma sempre condotti da esperti qualificati), sono stati trascinati in ambiti impropri.

La popolazione in ciò ha colto più le contraddizioni che i progressi che si sono comunque conseguiti. La telecronaca epidemiologica quotidiana ha contribuito a diffondere timore, utile per ottenere comportamenti consapevoli, ma al tempo stesso ha prodotto incertezza, frustrazione e sfiducia nel futuro. Tuttologi dell’ultima ora, ancora oggi impartiscono lezioni ad un popolo, quello italiano, incline ormai a considerare verosimile solo ciò che preoccupa.

In questi giorni l’informazione, dei grandi network e quella ufficiale, deliberatamente si accanisce a introdurre altra confusione nella testa delle persone, con l’equiparazione dei “casi positivi” con i casi di effettiva “malattia”. La positività al tampone nasofaringeo per COVID-19, coronavirus, non equivale all’essere affetti da malattia. Quest’ultima si identifica nella condizione morbosa respiratoria che l’alta carica virale può determinare in taluni soggetti. Sarebbe come dire che chi risulti allergico alle graminacee, corra il continuo rischio di morire per una grave crisi d’asma (anche a Natale quando non è più stagione pollinica); oppure che chiunque abbia un neo sulla pelle (tecnicamente un tumore benigno) abbia il cancro.

Sembra essersi invertito il principio del “diritto alla salute” in “dovere alla salute” (sia per il dovuto rispetto verso gli altri ma anche per il timore di essere quarantenati o di subire un TSO). Da ora in avanti sarà meglio parlare di “diritto alle cure”. E’ molto imbarazzante la totale assenza di supporto da parte delle aziende territoriali sanitarie -ATS, le ex USSL. Hanno messo al sicuro il loro personale amministrativo con lo smart working, dopo di che sembravano evaporate. I clinici, cioè i medici dedicati alla fattiva cura dei pazienti, sono stati all’inizio sopraffatti dall’urto; frettolosamente promossi ad eroi, ora si trovano esausti, disorientati dalla mancanza di protocolli di comportamento convincenti e soprattutto davvero applicabili. Il Sistema Sanitario Nazionale, che ha retto finora solo grazie alla responsabilità degli operatori, non sarà in grado di alcun rilancio. La rapida conversione degli ospedali Centri Covid non potrà vedere una riconversione altrettanto rapida. Le liste d’attesa finora congelate, saranno aggravate dalle normative igieniche e perciò allungate a dismisura. Inoltre, anche considerando la disponibilità del Governo a nuove assunzioni in ambito medico, occorre ricordare che il bacino da cui attingere nuovi professionisti è pressoché inesistente (frutto soprattutto del numero chiuso in facoltà).

Il prossimo futuro.

Storicamente le ricerche volte alla scoperta di farmaci antivirali sono spesso state frustrate da successi assai modesti. La strada vaccinale appare lunga ed incerta. Tuttavia occorre ricordare che la pericolosità di una qualsiasi infezione virale si misura in base all’indice di mortalità e di morbilità. Ad oggi entrambi appaiono pienamente sotto controllo in Italia. L’esperienza maturata in ambito medico ormai è ampia e consolidata e le strategie di cura affinate.

Un’eventuale seconda ondata potrà essere solo secondaria a importazione di virus selvaggio da quei paesi oggi ancora coinvolti nella pandemia. Più probabile l’ipotesi di focolai isolati di positività al virus, da cui deriveranno alcuni casi sintomatici, perfettamente arginabili con le misure igieniche già in atto e con adeguate cure laddove occorresse.

Resta da cogliere la reale portata della crisi demografica già in atto da anni in Italia, con il presumibile peggioramento dell’indice di natalità. Quest’ultimo aspetto, finora rilevato da pochi (Comero del periodico Civica, il presidente dell’ISTAT…)  rappresenta un rischio che può avere un impatto implosivo per il nostro Paese.

Carlo Frigerio è medico chirurgo, specialista in pediatria, specialista in patologia neonatale  (per 20 anni medico ospedaliero, di cui 10 anni in reparti di pediatria e 10 anni in terapia intensiva neonatale)

Panegirico della camminata e della bicicletta

Resistenza alla città ai tempi del dispositivo epidemico

di Afshin Kaveh
(29.7.2020)

Kaveh racconta le sue camminate in bicicletta durante la chiusura e le colloca dentro una consapevolezza profonda dello spazio, della città, della libertà. Osserva giustamente che “si è insomma diventati escursionisti non appena usciti furtivamente di casa, attraversando con occhi nuovi le sue vie e con esse i suoi microclimi”. Le immagini, intanto, parlano.

 

L’oscurità indietreggia davanti all’illuminazione e le stagioni davanti alle stanze ad aria condizionata:
la notte e l’estate perdono il loro fascino, e l’alba sparisce.
L’uomo delle città pensa di allontanarsi dalla realtà cosmica
e per questo non sogna più.
Ivan Chtcheglov, Formulario per un nuovo urbanismo


La città è già stata distrutta all’alba

Se tra le pagine de La vita contro la morte, Norman O. Brown, definendo la città come «un deposito di sublimazione accumulata, e quindi di colpa accumulata» presentava un passaggio da un lato criptico e dall’altro intriso di freudismo, per non parlare della conclusione secondo cui «per mezzo della città i peccati dei padri sono puniti nei figli», nella primavera del 2020 l’agglomerato atomizzato della concentrazione umana ha palesato ogni sua contraddizione fondante e organizzativa, dando piena ragione al filosofo statunitense.

La fondazione di base della città e la successiva formazione di una coscienza urbana, riflettono uno dei primi regimi di separazione tra l’essere umano e il proprio rapporto col vissuto in quanto, come ricordava giustamente Werner Sombart, la città nasce come un «insediamento di uomini che, per il loro sostentamento, dipendono dalla produzione del lavoro agricolo che non è il loro lavoro». La dimensione spaziale è una parte cruciale nell’articolazione della quotidianità di ogni singolo individuo, ed essa trova organizzazione fondante nella propria economia politica. Insegnava Guy Debord che «l’urbanismo è la presa di possesso dell’ambiente naturale e umano da parte del capitalismo che, sviluppandosi conseguentemente in dominio assoluto, può e deve ora rifare la totalità dello spazio come suo proprio scenario».

Ogni spostamento, che per usare un linguaggio illichiano può essere sia di transito che di trasporto e, seguendo le stesse analisi del critico radicale, il primo riguarda «quegli spostamenti che fanno uso dell’energia metabolica umana» mentre il secondo «quelli che si avvalgono di altre fonti di energia», segue una fitta rete di movimenti e percorsi uguali, prestabiliti, monotoni o, per dirla sempre con Illich, una traversata «disegnata con criteri industriali». L’urbanistica parla ai suoi abitanti e, contemporaneamente, parla anche di essi. Quella da noi vissuta – seguendo un processo che si vorrebbe globale ma che per diventarlo deve ancora sedare e appiattire un certo numero di resistenze, che ci auguriamo rimangano in vita – ha molto da raccontarci. Uno dei rischi è che gli ultimi avvenimenti ruotanti attorno alla gestione del Covid-19 – virus che, per parlarci chiaro fin da subito evitando fraintendimenti e dietrologie, esiste eccome – comportino una accelerazione del dispotismo urbano, tra iper-tecnologizzazione e militarizzazione in senso più ampio. Ma questo potrebbe (anzi, deve) alimentare nuove vie di fuga e nuove incursioni tra quel tessuto che si è sfaldato e disgregato, non per la produzione del virus stesso quanto del suo immaginario, cercando così di riappropriarsene una volta per tutte.

[La tipica crescita urbanistica sassarese, la cui città antica è situata nella parte sud-orientale del proprio territorio per poi espandersi alla rinfusa tra macchie di quartieri satellite, campagna, zone artigianali, colate soffocanti di asfalto e zone industriali, può vantare il pregio di essere dissezionata internamente da veri e propri polmoni verdi, laddove la ricca presenza di acqua impedisce l’edificazione. Una camminata alla sua estremità sino a Scala di Giocca, per esempio, permette di lasciarsi dietro ogni edificazione urbana (e con essa ogni limitazione-in-divisa) e, scendendo scala di Nalva, si affronta un fitto sentiero rurale sino a disperdersi nella valle del Rio Bunnari; divenire unici animali umani, tra distese di ciclamini e il torrente che scorre bagnando la regione ai piedi degli imponenti costoni calcarei].

Cronache del pre e del dopo-bomba

La città moderna trova organizzazione nelle sue colate di asfalto e cemento armato, nei suoi paesaggi composti di palazzi e centri commerciali, nei suoi quartieri-vetrina oppure a specchio. I primi per permettere alla «circolazione umana considerata come consumo, il turismo», così come intuiva con sottigliezza Debord, «di andare a vedere ciò che è divenuto banale» nei suoi centri d’attrazione, i secondi come tristi abitazioni identiche tra loro ed edificate in piante a scacchiera, alle periferie, ai confini. Tutto ciò è, a priori, disegnato per seguire gli spostamenti e la vita della merce facendone il soggetto della storia, laddove il tempo si spazializza nel tempo-consumo, un eterno presente costretto all’astoricizzazione e dunque all’immutabilità musealizzata dei propri spazi presentati come naturali, esistenti da sempre e, in quanto tali, immodificabili, e non per quel che sono realmente, ovvero delle funzionali categorie del sistema capitalistico. L’obsolescenza dei suoi abitanti, da sempre verità ma perlomeno un tempo ben velata, si è palesata una volta per tutte ai tempi della quarantena, quando gli incontri simultanei delle vite e dei corpi vissuti di ogni singola individualità, momenti fondamentali del rapporto e del legame sociale in sé, sono stati segregati e isolati nelle mura di mattoni delle proprie scatole quadrate, lasciando libera circolazione appunto alle sole merci, alle armi, alla legge; delimitando ulteriormente i movimenti negli spazi decretati dai loro confini. In questa circostanza è trapelata la profonda diseguaglianza della vita quotidiana, di fronte alle condizioni di confino e di fronte alla malattia stessa, così come giustamente ha fatto notare Jerôme Baschet. Il castello di carte è crollato su se stesso.

La segregazione, dettata da terrore e disciplinamento più che da responsabilità, coscienza e consapevolezza autogestionaria, ha comunque comportato una serie di esperienze che Anselm Jappe si augura diventino buoni propositi per immaginare una vita-altra in prospettiva conflittuale, ovvero «lavorare meno, consumare meno, fare meno viaggi frenetici, inquinare meno, fare meno rumore», ora consapevoli che sia questo modello di mondo causa e concausa dei continui disastri ecologici di cui l’avanzata epidemica si presenta ora come una delle sue tante peculiarità.

[Il ritorno da una lunga pedalata, incorniciato dal tramontare del sole, tra Ittiri e Florinas, paesi di poche anime e distanti tra loro più di 20km, nella regione del Coros, nel Logudoro, circondati da altipiani in un percorso tra andamenti collinari, discese, salite e vallate con fonti e torrenti d’acqua, ulivi secolari e campi di carciofi].

La camminata e la pedalata come resistenza

Cambiare rotta significa anche apportare logiche diverse a ciò che prima si perpetuava freneticamente: il passaggio nella città ha assunto per molti una caratteristica diversa quando esso si è praticato tra le vie di quartieri desertificati. Le auto costrette alla sosta ci hanno reso partecipi di un rumore prima ironicamente inudibile: il silenzio. La qualità dell’aria è decisamente migliorata e il cielo ha ripreso il suo colore più vivo. Ma se la camminata si è limitata a un consumo vissuto diversamente, ma pur sempre consumo (come l’uscita per il tabacco o altre necessità vacue), si è persa la possibilità non solo di vedere realmente la città con altri occhi ma anche di viverla diversamente. Come notava Illich, «coloro che vanno a piedi sono più o meno tutti uguali» e «chi dipende dalle proprie gambe, si sposta secondo lo stimolo del momento […], in qualunque direzione e per andare in qualsiasi posto che non gli sia legalmente e materialmente precluso», per quanto sia la città in sé a precludere esclusivamente agli spazi e al tempo dedicati al consumo. Per rompere con queste barriere, la deriva, teorizzata da Chtcheglov e descritta da Debord come un «lasciarsi andare alle sollecitazioni del terreno e degli incontri che vi corrispondono», in un «passaggio veloce attraverso svariati ambienti» è ancora oggi la miglior pratica per poter mettere radicalmente in discussione la città così com’è vissuta, e con essa la sua architettura e la sua urbanistica, depositando radicalmente la merce e diventando noi stessi la forza motrice della nostra storia, in un rapporto dialettico tra soggetto e mondo oggettuale, mediandolo e facendoci mediare. In tempi di Covid gli spostamenti sono stati severamente disciplinati e puniti tra Decreti, Ordinanze e un dispiegamento massiccio di forze dell’ordine. Per fuggire dal disagio della segregazione domiciliare non sono stati in pochi a cercare zone d’ombra, punti ciechi in cui rifugiarsi di tanto in tanto, in cui incontrarsi, atomizzarsi nello scambio corporale allorché il rapporto virtuale dell’alias-ad-alias ha dimostrato i suoi limiti insoddisfacenti e incompleti; oppure in solitudine, in un rapporto organico tra se stessi e l’ambiente circostante. La camminata si è dunque perpetuata a mo’ di avventura, un giro in terre ostili da cui non sai che aspettarti, in cui il rischio è stato una costante e un momento non si è mai presentato uguale al precedente, rompendo con la logica del percorso prestabilito dalla passeggiata-atta-a-consumare la quale ha nelle vetrine e nelle vie dello shopping e della movida le sue terre di passaggio prestabilito, tutto uguale, banalizzato anche nei suoi incontri.

Non è un caso che queste derive, spesso (o almeno nel contesto nel quale vivo io, quello della costa del nord-ovest della Sardegna tra le valli di Sassari, ricche di sentieri rurali e percorsi d’acqua, e i rilievi e gli uliveti di Ittiri), abbiano trovato il suo alleato per eccellenza nelle periferie sempre più diradate fino alla conclusione spontanea oltre la città, laddove inizia il naturale e la passeggiata si trasforma in escursione. Eppure questa volta la logica dell’escursione è stata parte coesa anche al passaggio nella città stessa e si è insomma diventati escursionisti non appena usciti furtivamente di casa, attraversando con occhi nuovi le sue vie e con esse i suoi microclimi. Non saranno di certo “due passi” a salvarci, né romperanno l’esistente e il suo sbando autoritario. Sarà però questo modo di vivere gli spazi e il tempo che ci sarà d’esempio per disalienare l’interscambio tra noi e l’ambiente, vivendo gli spazi e il tempo in prospettive organizzative radicalmente diverse. Viverli diversamente – e per farlo è necessario prima metterli in discussione – significa anche abitarli diversamente, attribuendogli una significazione in cui la nostra centralità soggettiva, da non confondere col becero antropocentrismo o egocentrismo, si farà struttura ontologica con la totalità.

Una delle potenze metaboliche, per parlare con Illich, non è solo la camminata ma è anche il rapporto con la bicicletta; un mezzo sì tecnico, ma che nell’intersezione con l’uomo non passa per mediazioni energetiche che non siano le sue (trasformando l’energia muscolare in energia cinetica) e la cui azione e funzionalità di trasporto, inserendosi ovunque (persino tra la fitta nervatura di una coda di automobili in un ingorgo stradale o portandola a mano in momenti di riposo), rompe con la configurazione e la conformazione dello spazio sociale nella propria struttura, codificata a misura del trasporto su organizzazione industriale, certo d’una comodità indicibile e di cui chiunque di noi usufruisce ma che, innegabilmente, sempre secondo Illich, decreta una «nuova geografia» dettando e fabbricando «nuovi tempi». Le città sono edificate a misura di automobile, non di essere umano (come invece sono presentate) e i tentativi di macchinizzare la bicicletta (nel senso valoriale del lessico marxista, nella sua mera visione di profitto) inserendola negli spostamenti lavorativi o nei lavori veri e propri (rider) è solo una facciata ecologista, o green, di cui il sistema capitalistico non potrà mai rivestire il velo senza decadere in un evidente ossimoro.

[Pedalata di 31km da Ittiri sino al Lago del Cuga nel territorio di Uri, uno specchio d’acqua certo prodotto artificialmente (che nei periodi di secca fa emergere alcuni nuraghi sommersi) ma pennellato sul tipico sfondo collinare e sul suo silenzio].

Conclusioni

La camminata (soprattutto se vissuta come una deriva perpetua) e la bicicletta sono gli unici modi per rompere con la logica del passeggero, una delle tante figure concatenate ai momenti del nostro vissuto organizzato su tante piccole separazioni, mediazioni e deleghe, ove il paesaggio e il territorio sono persi, sfuggenti e deformati dall’industria e dalla sua logica di movimento, sia nella forma che nei ritmi lavorativi e consumistici, modificando di conseguenza anche i suoi abitanti. La camminata, intesa come modo di vivere l’ambiente e le sue relazioni, seppur non possa eguagliare le distanze e le velocità di altri mezzi (compresa la stessa bicicletta), permette un incontro che va ben oltre quello collegato dai veicoli.

La bicicletta è sì un veicolo ma che, vissuto con una logica di rottura rispetto alla dimensione degli spazi e alla loro temporalizzazione, cede un’autonomia liberatoria fortemente egualitaria. Nella sua pedalata, tra discese e salite, nella fatica ma anche nella piena soddisfazione dell’esperienza: organica col mezzo, organica con l’ambiente attraversato.

L’assenza dei corpi, nella primavera del 2020, ha portato a una febbrile esigenza di libertà, ma se essa non si presenterà conflittualmente sarà tempo sprecato. Né la camminata né la bicicletta sono il fine, ma la loro logica ridisegnerà il vivente, il vissuto e l’ambiente in cui esso agisce abitando pienamente le situazioni nelle quali il corpo è immerso.

«Mò ce stà ‘o virùss»

di Alberto Giovanni Biuso
(29.7.2020)

Per una specie come la nostra le parole sono tutto, perché sono insieme pensiero in atto, pensiero pubblico, pensiero che comunica. Un’espressione come «distanziamento sociale» dice quindi molto, e drammaticamente, della visione che sta attualmente vincendo; ‘attualmente’ da alcuni decenni, da quelli che videro Thatcher e Reagan imporre l’ordine liberale e liberista al mondo. Un ordine del tutto ed esclusivamente individualista e quantitativo, si tratti di beni, risorse, denaro, velocità, vita. L’ordine che anche un fisico come Carlo Rovelli ha mostrato di condividere pienamente quando sul Corriere della sera del 2 aprile 2020 ha affermato che «il bene più prezioso» è «un po’ di vita in più». Che significa qualche anno, mese, giorno in più. ‘Tempo’ in più. Una contraddizione ironica e non piccola per chi afferma che il tempo esiste soltanto come struttura della mente (ho discusso le tesi di Rovelli in Tempo e materia. Una metafisica). Ma è sempre così: i negatori teorici del tempo diventano i suoi più fanatici sostenitori pratici quando si arriva al dunque della finitudine, vale a dire della condizione pervasivamente temporale dello stare al mondo.

Un po’ di vita in più è anche quella che i decisori politici si sono assunti come compito primario, a costo di rendere quel tempo ottenuto un periodo di miseria, angoscia, depressione. A questo conducono infatti superstizione e panico quando si impossessano non soltanto del corpo sociale ma anche di chi avrebbe il compito di guidarlo: «I terrori irragionevoli si allacciano alle folli speranze: quale laboratorio, per primo, fornirà il vaccino miracoloso? Si prendono misure di ‘distanziamento sociale’, a volte eccessive, a volte tardive, spesso inapplicabili. […] Nessuna autorità, pubblica o privata, vuole subire il rimprovero di ‘non aver fatto abbastanza’. Quindi spesso ne fanno troppo. L’economia e l’intera popolazione ne faranno le spese» (Slobodan Despot, in Diorama Letterario 353, p. 8).

La vicenda del coronavirus nell’anno 2020 è stata ed è anche la testimonianza di un complottismo al contrario, testimonianza dell’attribuzione di ogni responsabilità all’elemento biochimico, al virus – indubbiamente presente – e però del silenzio a proposito delle condizioni finanziarie; delle modalità produttiveproduttive (i mercati della carne); delle politiche sanitarie (la diminuzione drastica e feroce dei finanziamenti alla sanità pubblica) che ne hanno favorito la comparsa, la virulenza, la diffusione. 

Il nascondimento della presenza umana e politica dentro questo virus impedisce la comprensione dei suoi effetti o la loro riduzione a polemiche tra i partiti, qualcosa non solo di patetico ma anche di criminale rispetto al pericolo che il Covid19 rappresenta. Il silenzio sulle ragioni strutturali del contagio conferma che per il complottista, anche per quello al contrario, «dietro c’è sempre qualcuno, mai qualcosa. Egli si focalizza sugli uomini ed ignora i processi privi di un attore e quelli senza un soggetto, per riprendere una griglia analitica cara agli strutturalisti, e più specificamente a Louis Althusser. […] Non capisce che le strutture sono più potenti degli attori» (François Bousquet, ivi, p. 21).
Gli attori sono in questo caso i Fontana, i Conte, gli Speranza et similia. Le strutture sono l’Unione Europea, i debiti degli stati, l’ossessione liberista dell’‘austerità’ a danno delle vite umane, qualunque durata esse abbiano.

Veloci sono spesso i cambiamenti collettivi. A volte anche repentini. Diventano fulminei in presenza di eventi che sconvolgono proprio da un giorno all’altro la vita di milioni di persone. E quindi se «fino a pochi mesi addietro, in tutti i paesi si indicava come uno dei gravi drammi dell’epoca la solitudine», se «se ne discuteva sulla stampa, in radio, in tv, sul web», se «per combatterla si proponeva la ricetta dell’empatia. Dell’affetto. Della vicinanza. Dell’abbraccio. Di colpo, lo scenario si è rovesciato. […] Distanziamoci. E criminalizziamo chi non sta alle regole» (Marco Tarchi, Diorama Letterario 355, maggio-giugno 2020, p. 1).

Criminalizzazione che è uno degli effetti di «una vera e propria fabbrica della paura, che mette quotidianamente in circuito immagini e discorsi allarmanti» (Id., p. 2). Alcune delle conseguenze sono state sperimentate in un modo o nell’altro da tutti i cittadini. E sono queste: «La gran parte delle persone ha sacrificato volontariamente la propria libertà in cambio di un’illusoria sicurezza. La nostra prigionia, per quanto imposta dallo stato, è accettata dai più come male necessario. Lo Stato, principale responsabile della diffusione dell’epidemia, si declina come Stato Etico, padre che comanda, punisce e imprigiona i figli per il loro “bene”. I nemici sono quelli che non si piegano alle regole, persino quelle più insensate. I nemici sono i sanitari che denunciano la strage, invece di scrivere una pagina del libro Cuore del Covid-19. I nemici sono i lavoratori che scioperano nonostante i divieti, perché il ruolo di agnello sacrificale gli sta stretto. I nemici sono i detenuti che provano a sopravvivere. La delazione verso il vicino che trasgredisce è il premio morale per chi, strangolato dalla paura, resta intanato in casa, in inconsapevole attesa che il virus gli venga recapitato a domicilio dal parente che lavora o fa la spesa. Il panopticon globale è il passo successivo, la condizione che ci viene posta per passare dai domiciliari alla libertà vigilata. Sinora i più si sono piegati allo stato di eccezione senza opporre resistenza» (Maria Matteo, A Rivista anarchica, n. 443, maggio 2020, p. 12).

Sullo stesso numero di A Rivista anarchica, Giuseppe Aiello descrive una situazione che ho vissuto anch’io, identica, nel dialogo con alcuni amici e colleghi: «In tempi di pace, quando i morti sul lavoro, sulle autostrade, di cancro industriale si contano a decine di migliaia, ma non c’è “lo Gran Morbo” a minacciarci, citano Foucault come se fosse una specie di amico di famiglia dal quale hanno analiticamente appreso i segreti della microfisica del potere sin da quando erano in fasce. Adesso che si sono all’improvviso brancaleonizzati, della critica dell’istituzione medica, dell’analogia strutturale tra luoghi di detenzione brutale come il carcere e quelli della salute statalizzata non sanno più nulla. Ma come, il rapporto medico-paziente non era uno dei cardini della torsione autoritaria della società disciplinare? L’ospedale non aveva lo stesso significato di manicomio e caserma? No, roba passata, mò ce stà ‘o virùss» (p. 32).

Il virus ha colpito in modo drammatico l’Italia e l’Europa, le cui classi dirigenti reputano la sanità pubblica uno spreco da tagliare, tagliare, tagliare. In Lombardia, terra molto solerte nel tagliare, le conseguenze sono state tragiche.
L’Unione Europea, come mostra anche l’ «accordo» suicida che in questi giorni i media presentano come una vittoria dell’Italia (!), non mira soltanto a tagliare quanto più possibile le spese sociali ma, più in generale, a «fare tabula rasa della lunga e ricca storia europea» (Yann Caspar, Diorama letterario 355, p. 14), cancellando il tesoro delle differenze a favore di una omologazione identitaria fondata sul primato di ciò che Aristotele chiamava crematistica, vale a dire l’elemento soltanto finanziario.

Un delirio collettivo

di Alberto Giovanni Biuso
(22.6.2020)

Fisiologiche e frequenti sono nelle collettività umane le ondate di delirio collettivo causate da diverse ragioni e circostanze: guerre e fanatismi bellici atti a mobilitare cittadini e sudditi verso la loro morte e quella altrui; millenarismi religiosi pronti ad assicurare che un qualche regno dei cieli è vicino e basta fare qualcosa – ad esempio recarsi a piedi a Gerusalemme e conquistarla nel nome di Cristo (1096)– per ottenere la garanzia della salvezza; epidemie e contagi che spargendo il terrore supremo giustificano ogni ordine e decreto delle autorità pro tempore, qualunque sia il loro segno politico.

In nome del contagio da Covid19 e della pandemia psichica da esso scatenata si proibiscono i matrimoni tra omosessuali; si dà la caccia a solitari camminatori sulle spiagge; si lasciano in angosciosa solitudine i moribondi; si sprangano scuole, università e biblioteche facendo precipitare il corpo sociale in quelle che una volta si chiamavano le «tenebre dell’ignoranza», sostituendo la relazione viva con un algido e sterile contatto digitale/telematico/virtuale tra insegnanti e allievi.

E inoltre, a clamorosa negazione di anche recentissime campagne ecologiche, si suggerisce l’utilizzo dell’automobile privata come ‘mezzo più sicuro’ rispetto a quelli pubblici; si impongono mascherine/museruole e guanti di plastica il cui casuale smaltimento sta producendo danni enormi all’ambiente, come testimonia anche il noto geologo Mario Tozzi sulla rivista del Touring Club Italiano:

«Arrivano già le segnalazioni di quantitativi crescenti di mascherine e guanti in mare, dove diventano letali per tartarughe e pesci che li scambiano per cibo. […] Se anche solo l’1% delle mascherine venisse smaltito non correttamente (e alla fine disperso in natura), ciò significherebbe dieci milioni di mascherine al mese disperse nell’ambiente. […] Questa roba finirà nel Mediterraneo, dove ogni anno si riversano già 570 mila tonnellate di plastica. […] E c’è una contraddizione ambientale ancora più pesante. Ovviamente soffriamo per le 320mila vittime che Covid19 ha mietuto in tutto il mondo, ma non ci impressionano tanto i 4 milioni di morti in più , rispetto alle medie ‘normali’ che l’Oms segnala da tempo a proposito dell’inquinamento atmosferico; 80 mila solo in Italia, quando per il virus ne piangiamo, per ora, meno della metà. Il virus fa paura, l’inquinamento e la plastica inutile no»
(La rivincita della plastica, «Touring», luglio-agosto 2020, p. 22).

Le ondate di panico collettivo sono sempre molto pericolose e quella legata al Covid19 è particolarmente insidiosa anche per la sua dimensione planetaria, globale, dalle conseguenze ambientali assai gravi e intrisa di un asfissiante conformismo.

Riapertura delle scuole. Didattica, governi, finanza

Covid 19, riapertura scuole, didattica a distanza e Unione Europea
di associazioneindipendenza – 16.6.2020

[Questo testo contribuisce a capire meglio l’apparente oscillare dei decisori politici sulla questione della riapertura o meno di scuole e università. Trascurare i vincoli finanziari posti dall’Unione Europea significherebbe infatti non avere un quadro completo della reale situazione nella quale i governi si trovano, compreso quello italiano. Al di là della condivisione di alcune tesi più strettamente politiche, ci sembra dunque un’analisi feconda]

Per la riapertura delle scuole a settembre, al governo e al ministero dell’Istruzione sanno come venirne a capo ma sono preoccupatissimi sulle conseguenze sociali. Da qui il susseguirsi di dichiarazioni che prospettano, di dichiarazioni che affermano, di dichiarazioni che smentiscono, di dichiarazioni che rilanciano ‘altro’ e via ricominciando. Attribuire tutto questo all’incompetenza coglierebbe parzialmente il cuore del problema. Vediamo il perché.

Le norme sulla sicurezza sanitaria imporrebbero il venir meno delle classi-pollaio e la necessità di nuove assunzioni. Più classi e più insegnanti, insomma. Tutto il contrario di quello che viene perseguito da anni: accorpare classi per ridurne il numero e disporre di un organico di docenti via via inferiore grazie alle uscite per pensionamento.

Il problema degli spazi sussiste ma è risolvibile ora con interventi laddove ci siano aule inutilizzate o non risanate per problematiche finanziarie, ora usufruendo di spazi pubblici e sociali limitrofi alle scuole, ora riaprendo scuole chiuse o edifici pubblici non in uso, e via dicendo. Tutto è alla portata per garantire a scuola la presenza (decisiva per la miglior didattica possibile), senza necessità di ricorrere a turnazioni, riduzioni dell’orario, eccetera. Curare un asse culturale nazionale nella scuola questo sì comporterebbe preparazione, conoscenza, una grande riflessione collettiva, mentre una gestione amministrativa di spazi può porre problemi, ma non più di tanto.

Perché quindi a Palazzo Chigi e a viale Trastevere sembra –attenzione: sembra!– che non sappiano come muoversi e che regni il caos? Per lo stesso motivo per cui tutti i comparti pubblici, che necessitano di un intervento dello Stato, versano in condizioni disastrose, come è emerso ad esempio nella sanità nel corso dell’emergenza da CV-19: gli investimenti.

Le classi pollaio, aventi come obiettivo la riduzione del corpo docente, sono una necessità per i tagli lineari richiesti dalle istituzioni europee in nome di un rientro del debito. Questo è il punto focale dell’essenza di funzionamento del combinato disposto UE-euro: aver innescato e trasformato in una criticità permanente il debito, averne cambiato la natura da realmente ‘pubblico’ ad ‘estero’ ed averlo inscritto in una dinamica strutturale di continui vincoli e condizionalità nella messianica e irraggiungibile prospettiva di una ‘redenzione’. Un ‘unicum’ nella Storia e nel mondo.

Con la cessione della sovranità monetaria, la venuta meno di un’autonomia politica a tutti i livelli (bilancio, investimenti, controllo dei flussi di capitale, indirizzi…) e quindi della piena titolarità decisionale degli investimenti da effettuare, qualsiasi governo, si trattasse anche di uno insediatosi con le migliori intenzioni e con un voto ‘a furor di popolo’, quand’anche fautore di una visione politica sociale avanzata, avrebbe le mani più che legate, un perimetro d’intervento ristretto, sempre più ristretto. Dentro l’Unione Europea ed il campo atlantico non c’è futuro (anche) per l’Italia, ma solo fumisterie e farse, come nella fase attuale con le “potenze di fuoco” dei supposti “aiuti” europei.

Al governo e al ministero dell’Istruzione l’idea su come venirne a capo l’hanno, ma sono preoccupatissimi sulle conseguenze sociali. La linea che attuerebbero subito, consisterebbe in una massiccia trasformazione digitale del sistema scolastico. Anche se parziale potrebbe tornare utile per mantenere l’ossequio alle imposizioni dei tagli lineari di cui la riduzione dei lavoratori del pubblico impiego è per la Troika (FMI-BCE-UE) tra gli obiettivi ineludibili. Di qui, quindi, la magnificazione delle tecnologie didattiche e del ‘distanziamento dell’insegnamento’. Non ci sono tanto e soltanto gli interessi affaristici di chi gestisce le piattaforme digitali (sarebbe interessante vedere chi compone la relativa ‘task force’ al ministero dell’Istruzione e a quali ‘cordate’ risponde), c’è molto pragmaticamente il ‘risparmio’ che dalla ridotta presenza del corpo docente a scuola potrebbe derivare. Questa soluzione, ben evidente nella sua utilità e ‘tecnicamente’ facile da attuare, comporta però effetti negativi che non si sa bene poi come fronteggiare. La preoccupazione verte non sulla ‘qualità della didattica’ (che, da decenni, per chi domina e relativi referenti è bene che si abbassi sul versante ‘educativo-critico-formativo’…) ma sulla tenuta sociale di queste misure, delle proteste che potrebbero montare dalle famiglie e dal corpo docente.

Già ci giungono segnalazioni sia di riunioni telematiche sia di assemblee ‘in presenza’ di genitori e docenti che si preparano a dare battaglia a settembre. Le rivendicazioni base che ricorrono, tutte o parte, sono queste: apertura delle scuole, rifiuto della Didattica a Distanza sostituiva o anche solo complementare al monte-ore curricolare, più classi (con numero di studenti ben inferiore a quelle “pollaio”), recupero di locali, regolarizzazione del precariato scolastico e assunzioni stabili (docenti e personale Ata), rifiuto delle turnazioni e della riduzione dell’ora scolastica a 40 minuti (già in diverse scuole l’ora corrisponde a 50 minuti), adeguamenti stipendiali dei dipendenti.

Sulla scuola, come per la sanità e altro, le parole d’ordine devono essere chiare: più investimenti, più intervento pubblico, più Stato (italiano). Ognuno di questi ambiti (con annesso stato di sofferenza sociale di milioni di lavoratori, di precari, di partite IVA, di inoccupati, ecc.), perché possa essere soddisfatto nelle sue rivendicazioni, necessita tanto della rottura dei vincoli di dipendenza dalla gabbia euro-atlantica, quanto di una nuova classe dirigente che abbia chiaro il nesso ineludibile tra conquista della sovranità monetaria e politica in senso lato e risorgimento sociale delle diverse classi e segmenti subalterni della società italiana, ‘in sofferenza’ tra condizioni di vita e restringimento di diritti.

La scuola dei presidi: autoritaria e sgrammaticata

di redazione corpi e politica
(14.6.2020)

L’Associazione Nazionale Presidi si distingue da decenni per la promozione e il sostegno dati a ogni progetto e pratica caratterizzati dall’estremismo liberista, dalla negazione della libertà di insegnamento – e dunque della Costituzione repubblicana – dalla trasformazione delle scuole in aziende. Approfittando come Viktor Orbán del coronavirus, i rappresentanti dei presidi elaborano un documento che ha poco da spartire con educazione e saperi e molto con le supercazzole del conte Raffaello Mascetti.

Il prolisso documento (16 pagine) ha come titolo titolo Le proposte ANP per la riapertura delle scuole a settembre. Chi avrà stomaco, lo legga per intero. Ma anche a spizzichi e bocconi emerge la natura emblematica di questo ennesimo capolavoro dell’ANP, una sorta di nido degli scarafaggi buroscolastici, presidi e loro complici.

Il loro fine è decantare la teledidattica permanente, anche per una altrettanto permanente e conclamata vigliaccheria. Il segnale più chiaro è, come sempre, il linguaggio. Leggere queste pagine significa assistere a un vulnus inferto alla lingua italiana, un intruglio di americanese (parte in corsivo, parte no –forse ritengono, le seconde, espressioni naturalizzate italiane), pioggia di astrusi acronimi (vagamente jettatori, diceva James Hillman) e slatinismi.

Una simile sciatteria linguistica è il veicolo di ogni distruzione culturale, il modello Briatore che rende impossibile qualsiasi discussione, destituendo il linguaggio di ogni significato e provocando una regressione nella catena darwiniana.

A chi dovesse chiederci: “ma voi in alternativa che cosa proponete?” suggeriamo di scorrere (e magari leggere) i 40 articoli che sinora abbiamo pubblicato nella sezione corpi e teledidattica di questo sito.

Disagio e rabbia: la voce degli studenti

di Noemi Scarantino
(13.6.2020)

[Una studentessa del Dipartimento di Scienze Umanistiche (Disum) dell’Università di Catania testimonia il doloroso e profondo disagio che lei e molti suoi colleghi stanno vivendo. Non è anche questo un grave rischio per la salute dei nostri studenti?]

Trovo davvero inaccettabile il trattamento riservato all’Università e la scarsa considerazione che l’Italia dimostra di avere nei riguardi dell’istruzione, della ricerca e della cultura in generale.

La situazione ha ormai cominciato a generare rabbia in me e molti altri studenti con cui sono in contatto, poiché oltre a privarci della vita universitaria, dello studio vero e del rapporto con i docenti, sta anche aprendo le porte ad altre situazioni di disagio.

Io e molti colleghi ci troviamo a vivere in province molto lontane da Catania e questo ci impedisce di poter partecipare anche ai piccoli tentativi di relazione, dacché i mezzi di trasporto rendono difficili e faticosi gli spostamenti che nella vita normale sono invece molto efficienti.

Inoltre, l’ostinata chiusura prolungata non soltanto ha costretto molti di noi a dover abbandonare gli alloggi catanesi ma anche ci impedisce adesso la possibilità di trovarne dei nuovi, poiché non ci è possibile né spostarci facilmente per gli eventuali incontri né tantomeno dare certezze agli affittuari.
Molti studenti appassionati e impegnati si ritrovano dunque a dover attendere l’utopia di un ritorno a settembre accumulando intanto disagio psicologico e sensazione di incompletezza e precarietà nell’approccio allo studio, che solitamente viene affrontato proficuamente in Biblioteca, in gruppo e, in generale, in contesti di relazione amichevole e confronto professionale.

Sul terrore

di Alberto Giovanni Biuso
(13.6.2020)

Il terrore paralizza, il terrore interrompe il pensare, il terrore trasforma gli umani in foglie tremule che temono di staccarsi da un momento all’altro dall’albero della vita. Ma questa è sempre la condizione dei viventi. Il panico mediatico e politico sulla fragilità dei corpi che è emerso nell’anno 2020 non è giustificato dalla dimensione sanitaria dell’epidemia da Covid19. 

Le grandi pandemie della storia umana recente – tutti conoscono per ragioni letterarie quelle del 1348 e del 1630 e anche l’epidemia che falcidiò l’Europa subito dopo la Prima guerra mondiale mietendo cinquanta milioni di morti – hanno avuto una potenza letale e di contagio incomparabile con quella del virus attuale. Sino a che è possibile contare uno a uno il numero dei morti la parola pandemia è un dispositivo politico, non una descrizione sanitaria. 

Quanto avvenuto nel mondo in questi mesi non è paragonabile con le vere pandemie del passato. E tuttavia soltanto nel XXI secolo gli umani sono stati reclusi dentro i sepolcri delle loro case da sani; le quarantene del passato isolavano i malati dagli altri e non l’intero corpo sociale da se stesso, dispositivo anche logicamente assurdo. Soltanto nel presente il terrore mediatico si è scatenato contro individui solitari nelle campagne o sulle spiagge. Soltanto nel presente la suasione dell’autorità è entrata sino a tal punto nelle cellule e nei pensieri dei corpimente biologici e politici.

Studenti al bar ma non nelle aule

di Giuseppe Grasso e Alberto Giovanni Biuso
(12.6.2020)

Sulla mailing list dei docenti dell’Università di Catania si discute anche della decisione dell’Ateneo di continuare a interdire agli studenti l’accesso ai Dipartimenti.
Riportiamo uno scambio intercorso tra Giuseppe Grasso (Dipartimento di Scienze Chimiche) e Alberto Giovanni Biuso (Dipartimento di Scienze Umanistiche).
L’argomento è la Lettera aperta indirizzata al MUR e al Ministro Manfredi con la quale si chiede di riaprire le Università.

***

Io ho firmato la petizione, ma vorrei anche aggiungere un piccolo commento. Mi sembra veramente vergognoso che sia possibile andare al bar, al ristorante e tra poco anche in discoteca e contemporaneamente si facciano problemi per fare esami in presenza (si possono tranquillamente mantenere le distanze durante gli esami) o per fare le lezioni in presenza (anche in questo caso è facile tenere il metro di distanza).

In effetti, mi pare che si stia semplicemente – e forse volutamente – privando del diritto allo studio migliaia di studenti, dalla scuola alle università. Il pericolo, a mio avviso, non è affatto rappresentato dal virus (senza togliere importanza e gravità alla morte di nessuno; qui in Sicilia ricordo che abbiamo avuto un numero di morti e di contagiati da Covid veramente ridicolo, se confrontato al numero di malati e morti per altre cause. Guardando ai numeri, personalmente mi sento molto più in pericolo fumando, bevendo alcolici o andando in moto piuttosto che parlando con uno studente a 2 metri di distanza).

Il vero rischio mi sembra quello di crescere una generazione di disumani-nerd-telematici, privi di ogni senso critico e perciò facilmente terrorizzabili con minacce di pandemia, così da poter instaurare una dittatura dall’oggi al domani, senza suscitare alcuna protesta. Io mi dissocio fortemente dal pensiero che prima di intraprendere una qualsiasi attività bisogna accertarsi a tutti i costi che sia a “rischio zero” dal contagio. Non so cosa si intenda per “rischio zero”. La vita è per definizione un “rischio”. Tutto quello che facciamo, ogni giorno, comporta un rischio per la nostra vita stessa. In effetti, non c’è neppure bisogno di uscire di casa, visto l’alto numero di incidenti, omicidi e suicidi che avvengono tra le nostre sicure mura di casa.

Perché ci siamo chiusi in casa allora e continuiamo a non poter vivere liberamente anche adesso che gli ospedali sono praticamente vuoti da malati di Covid? Si possono dare tante risposte a questa domanda, ma sicuramente tutti abbiamo percepito che il pericolo che avremmo corso svolgendo le attività della nostra vita ‘normale’ era improvvisamente divenuto troppo alto, che non si poteva più accettare il rischio di vivere, ma bisognava in qualche modo sospendere la nostra vita. Questa decisione, più o meno condivisibile, ci è stata imposta dall’alto, non è stata affatto il frutto di un dibattito politico e culturale – tutto è stato giustificato dall’urgenza.

Adesso, però, la questione mi pare ben diversa. L’urgenza (qui in Sicilia non l’abbiamo mai avuta) è finita, eppure si continua a proibire persino la vita culturale nelle nostre università. Si parla di plexiglas tra banchi di scuola elementare. Si prevedono lunghi periodi di didattica on line, scenari apocalittici, deleteri per la vita sociale, culturale ed economica del paese, giustificati non più dall’urgenza ma dalla sola paura. Ma preferisco vivere e far vivere piuttosto che rinunciare alla vita e alla cultura per paura di morire. Per quello che ne so, questa situazione potrebbe durare mesi, forse anni. Non sono disposto a rinunciare alla cultura e alla libertà per un periodo così lungo per nessuna minaccia di morte al mondo.

È chiaro che la libertà individuale si debba fermare nel momento in cui va a minacciare la libertà degli altri. D’altra parte la paura di morire personale non dovrebbe in alcun modo intaccare la libertà e la vita degli altri. Questo è stato fatto e continua ad accadere oggi, ma di certo deve essere limitato nel tempo, non può diventare, in nessun caso, una situazione permanente o ricorrente.

Giuseppe Grasso

***

Condivido pienamente quanto scritto da Giuseppe Grasso. Aggiungo due elementi:

Il primo: un articolato documento di un gruppo di psicologi e psichiatri Sui gravi danni psichici e sociali della paura da Covid19, i cui autori si dichiarano in pieno accordo anche con il documento del Comitato Rodotà Si scrive salute. Si legge democrazia. Come abbiamo scritto in “Corpi e politica”: «crediamo che si tratti di un significativo contributo alla comprensione dei danni enormi inferti alla collettività, ai singoli, alle libertà. In modo pacato ma fermo si chiede ai decisori politici e ai mezzi di informazione di cambiare direzione allo scopo di evitare ulteriori disastri e ripristinare la salute pubblica, che è un fatto globale e non soltanto virale».

Il secondo: la foto di una gita a Siracusa che abbiamo organizzato qualche giorno fa con alcuni dottorandi, laureandi e studenti del Dipartimento di Scienze Umanistiche. L’immagine è stata da me tagliata per rispettare la riservatezza dei miei allievi ma vi assicuro che i corpi erano interi. L’abbiamo scattata davanti a una delle belle chiese di Ortigia. Abbiamo passeggiato, gustato l’aperitivo, cenato. E tuttavia quegli stessi dottorandi, laureandi e studenti devo riceverli al bar di Piazza Dante perché il Dipartimento è loro precluso, quasi come un fortilizio dal quale devono stare lontani.
Non vi sembra che ci sia qualcosa di strano e irrazionale in tutto questo?

Alberto Giovanni Biuso

[L’immagine di apertura è di Federico Fantechi]

Riaprire le Università

L’Habeas Mentem, la Dad e il ruolo delle Università (al plurale) al tempo del Covid

L’idea che la presenza fisica degli studenti nelle Università sia tranquillamente sostituibile con i corsi telematici, con la DaD, è sbagliata. Perché – paradossalmente – al di là del manto tecnologico, è un’idea molto arretrata.

Lettera aperta al Chiarissimo professor Gaetano Manfredi, Ministro dell’Università e della ricerca scientifica, e per conoscenza ai componenti della CRUI.

La Lettera si può sottoscrivere qui: Lettera aperta al Chiarissimo professor Gaetano Manfredi

Siamo un gruppo di docenti e ricercatrici/ori, di diversi Atenei italiani che hanno deciso di interpellarLa direttamente per porLe il problema della riapertura delle Università.

Il DPCM del 4 marzo 2020 ha disposto la chiusura delle Università su tutto il territorio nazionale. Dapprima prevista fino al 18 marzo, la chiusura si è protratta senza soluzione di continuità fino ad oggi. Si riapre la mobilità fra regioni. Sono state assunte misure per la progressiva riapertura di fabbriche, uffici, esercizi commerciali, enti pubblici, e anche dei luoghi di ritrovo e di socializzazione, ma nessuna misura relativa alla riapertura delle Università. Quest’ultima non sembra un evento all’ordine del giorno. Pare che gli studenti si possano incontrare fra loro e con i docenti senza rischi in birreria o in pizzeria, tra poco anche nei cinema e nei teatri, ma non nelle aule universitarie. Si sono studiati (fortunatamente) protocolli per far svolgere in sicurezza gli esami di maturità in presenza a giugno, ma non gli esami universitari delle sessioni estive. Si preferisce consegnare i dati di studenti e docenti a tecnologie prevalentemente basate su software proprietario e datacenter esteri per fare quegli esami a distanza, invece che organizzare modalità per farli in presenza, eventualmente all’aperto.

Mentre si discute della riapertura parziale degli stadi a fine giugno per le partite di calcio, le Università si stanno attrezzando per svolgere anche nel prossimo anno accademico l’insegnamento in presenza per pochi eletti e a distanza per gran parte dei loro studenti, per evitare che la presenza in aula incrementi la diffusione del contagio. Temiamo che quando si dice che “conviene” proseguire l’insegnamento in modo prevalentemente telematico fino a gennaio 2021, si pensi che l’istruzione superiore italiana conti meno delle vacanze in spiaggia, dell’aperitivo al bar, del giro al centro commerciale o che le Università non siano in grado di elaborare strategie per consentire una vera esperienza educativa, contenendo i rischi di contagio, e che siano meno capaci di farlo rispetto ai ristoratori o ai gestori turistici (che per elaborare le soluzioni si rivolgono a ricercatori universitari). Temiamo che dietro questo atteggiamento ci sia piuttosto una concezione della funzione dell’istruzione superiore che riteniamo inaccettabile. Ci sembra infatti inspiegabile che l’amministrazione pubblica, la quale dispone delle più ampie, profonde e diversificate competenze scientifiche e professionali, non si consideri in grado di elaborare un piano di rientro sicuro ed efficiente per le Università e praticamente solo per le Università, che di quel sapere sono la matrice e la culla. Ci sembra impossibile che si ritenga di non aver le forze per raggiungere l’obbiettivo di una didattica (ma anche di un’attività di ricerca) svolta “in presenza” per la stragrande maggioranza degli studenti. L’unica spiegazione che riusciamo a darci è che si stia diffondendo l’idea che l’obiettivo non valga lo sforzo. Invece, a nostro parere, l’obiettivo merita il più grande degli sforzi, e siamo sicuri che le Università italiane hanno tutti i requisiti per vincere la battaglia.

L’idea che la presenza fisica degli studenti nelle Università sia tranquillamente sostituibile con i corsi telematici, con la DaD, è sbagliata. Perché – paradossalmente -, al di là del manto tecnologico, è un’idea molto arretrata. Riflette una visione della didattica universitaria vecchia di oltre sessant’anni, ci riporta a un modello di apprendimento incentrato sul “trasferimento di conoscenze” per mezzo di lezioni cattedratiche, con scarso dialogo (per questo definite burocraticamente “frontali”), a cui si accompagna lo studio solitario, spesso consistente in una memorizzazione dei cosiddetti manuali, assunti dogmaticamente come fonte del sapere. A questo tipo di didattica fanno da naturale completamento esami incentrati sulla verifica della memorizzazione delle nozioni. Il sistema si adattava a una popolazione studentesca che viveva soprattutto in famiglia: trasferirsi a vivere insieme ad altri studenti vicino all’Università era troppo costoso, e anche non molto utile, visto che alla fine quel che contava era superare gli esami, avendo imparato il contenuto di uno o più grossi libri, o delle “sbobinature” delle lezioni.

La didattica telematica rischia di non essere altro che un vestito tecnologico per questo modello vecchio. Dalle sue origini medioevali ai modelli anglosassoni (i campus), l’Università ha invece l’aspirazione di essere prima di tutto un luogo fisico organizzato per offrire a docenti, ricercatori e studenti una esperienza intellettuale fortemente formativa, intesa a stimolare e far interagire le loro intelligenze. Questo luogo è, se possibile, tanto più necessario oggi, quando proprio la rivoluzione dei processi e dei mezzi di comunicazione (il web) ha reso quasi ridicola la funzione di fonte prioritaria di conoscenze “da trasferire”. Le nozioni sono ormai reperibili in pochi secondi in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento: qualsiasi studente può assistere a lezioni e conferenze su qualsiasi argomento di premi Nobel e massimi esperti mondiali del tema.

Quello che le Università possono e devono fornire è la capacità di porre/si le domande sulle conoscenze trasferite e organizzare in modo cumulativamente produttivo le risposte. La loro ragion d’essere, in un mondo in cui le “informazioni” si trovano sul web, è quella di educare al senso critico e a selezionare le informazioni che servono per risolvere specifici problemi, e soprattutto a porne di nuovi. Devono provare l’impresa titanica di garantire, nell’epoca della rete, l’habeas mentem dei ragazzi che le frequentano. E questo è un compito che si può assolvere solo attraverso l’esperienza della vita universitaria: il senso critico e la creatività nell’uso del sapere si possono insegnare e apprendere, ma non meccanicamente “trasferire”.

Il compito delle Università è, a nostro parere, insegnare “a”, insegnare “come”, non insegnare nozioni. Questo vale anche, ed anzi forse a maggior ragione, proprio per le facoltà destinate a formare alle scienze ed alla tecnologia: la centralità e inevitabilità del lavoro di gruppo, e dunque dell’educare la speciale capacità di condividere le conoscenze al fine di risolvere e porre problemi che sfuggono al dominio individuale, presuppone che i laboratori, in cui la didattica nasce o comunque si sviluppa con la ricerca, siano “popolati” di persone. Proprio quando la tecnologia è oggetto dell’insegnamento, finisce con il rivelarsi del tutto inadeguata come esclusivo mezzo di esso.

Per anni le Università italiane hanno combattuto con la carenza di spazi e dotazioni per laboratori didattici, essenziali strumenti formativi nelle discipline STEM. Con fatica ed impegno si sono allineate alle migliori istituzioni internazionali. Ora, ci sembra che ipotizzare anche solo delle parziali riduzioni dei laboratori didattici, o addirittura la loro sostituzione con laboratori “virtuali” o “telematici” dimostri come non si conosca cosa significa un laboratorio pratico per uno studente STEM.

La didattica online è accettabile e, anzi benvenuta, per un breve periodo di emergenza, ma l’insegnamento è un’altra cosa. Quella che è in discussione è l’esistenza delle Università, al plurale, in alternativa alla Università (al singolare) della didattica a distanza foss’anche fatta dai Nobel, in cui tutti gli altri attuali docenti verificano che gli studenti abbiano “acquisito” le conoscenze (tra quanto nascerà l’Amazon University così organizzata?). Se le Università, al plurale, hanno una ragion d’essere, questa sta nella loro capacità di offrire una varietà di esperienze educative che si sviluppano in, e non possono fare a meno di, una dimensione di vita comunitaria non riducibile a incontri virtuali.

Il trasferimento on-line della didattica universitaria comporta, per altro, una riorganizzazione delle mansioni e dei tempi di lavoro che si sovrappone agli oneri di cura e di organizzazione domestica. Per quelle lavoratrici e lavoratori che hanno a carico bambini, anziani o soggetti vulnerabili, il lavoro da casa, non per scelta bensì imposto, si traduce dunque in una discriminazione che va a pesare su un’università già profondamente segnata dal differenziale di genere.

La rete offre una quantità di opportunità, che vanno tutte sfruttate, ma non ci consente affatto di imparare, nella misura in cui il senso critico è il perno di questa nozione, stando a casa. Anzi, impone più vita universitaria comune, perché per gestire in modo critico le informazioni che essa veicola serve una crescita esponenziale del senso critico e della creatività dei suoi utenti. Nell’era di internet le Università, se vogliono tutelare il loro habeas mentem, dovrebbero costruire più residenze per studenti, dovrebbero essere campus dalla dimensione umana, favorire le coabitazioni e aprire anche la sera e durante le vacanze, perché la critica e il confronto sono tanto più necessari quanto più siamo inondati di informazioni incontrollate. Su queste cose e non sulla didattica a distanza andrebbero concentrati gli investimenti: avremmo bisogno di un grosso aumento di borse di studio, in primo luogo in forma di buoni affitto per gli studenti.

A partire da queste considerazioni riteniamo che ripiegare sulla didattica a distanza (per una parte consistente maggioranza degli studenti) per altri sei mesi sia una sconfitta che implica la rinuncia alla ragion d’essere dell’Università e apre la strada alla messa in discussione delle Università (al plurale).

 

Promotori

Costanza Margiotta (Università di Padova)
Emilio Santoro (Università di Firenze)
Enrica Rigo (Università di Roma Tre)
Emanuele Conte (Università di Roma Tre)
Alberto di Martino (Scuola Superiore Sant’Anna Pisa)
Geminello Preterossi (Università di Salerno)
Anna Cavaliere (Università di Salerno)

Primi firmatari

1. Gaetano Azzariti, Università Sapienza di Roma
2. Giuseppe Zaccaria, Università di Padova
3. Carlo Galli, Università di Bologna
4. Vincenzo Cerulli Irelli, Univ. Sapienza Roma
5. Adriano Prosperi, Scuola Normale Pisa
6. Donatella della Porta (Scuola Normale Superiore)
7. Paolo Cendon, Università di Trieste
8. Paolo Rigotti, Università di Padova
9. Carla Faralli, Università di Bologna
10. Massimo Firpo, Università di Torino
11. Luca Illetterati, Università di Padova
12. Tania Groppi, Università di Siena
13. Laura Bazzicalupo, Università di Salerno
14. Carmen Leccardi Università di Milano Bicocca
15. Giovanni Dosi, Scuola Sant’Anna Pisa
16. Baldassare Pastore, Università di Ferrara
17. Alessandro Ferrara, Università di Roma Tor Vergata
18. Mauro Magatti, Universtià Cattolica di Milano
19. Antonio Varsori, Università di Padova
20. Riccardo Guastini, Università di Genova
21. Alessandro Somma Università di Ferrara
22. Alberto Lucarelli, Università di Napoli
23. Ugo Mattei, Università di Torino
24. Alessandra Facchi, Università statale di Milano
25. Aldo Schiavello, Università di Palermo
26. Elisabetta Grande, Università del Piemonte Orientale
27. Francesco Margiotta Broglio, Università di Firenze
28. Enrico Grosso, Università di Torino
29. Luigi Pannarale, Università di Bari
30. Gianluigi Palombella, Scuola Sant’Anna Pisa
31. Mauro Barberis, Università di Trieste
32. Maria Laura Lanzillo, Università di Bologna
33. Gigliola Fragnito, Università di di Parma
34. Paolo Cappellini (Univ. Firenze)
35. Ada Patrizia Fiorillo (Univ. Ferrara)
36. Adalberto Sciubba, Sapienza Università di Roma
37. Adalgiso Amendola (Univ. Salerno)
38. Adriano Favole (Univ. Torino)
39. Adrino Vinale (Univ. Salerno)
40. Agnes Kohlmeyer (Università Iuav di Venezia)
41. Alberto Aimi (Univ. Brescia)
42. Alberto Bartola (Univ. Sapienza)
43. Alberto Boschi (Univ. Ferrara)
44. Alessandro Roccatagliati (Univ. Ferrara)
45. Alister Filippini, Università degli Studi “G. d’Annunzio”Chieti
46. Ermanno Malaspina, Univ. di Torino
47. Aldo Marroni, Università degli Studi “G. d’Annunzio”Chieti
48. Alba Mora (Università di Parma)
49. Cristiano Iaia, Univ. di Torino
50. Rodolfo Savelli, Università di Genova
51. Marzia Giuliani, Università Cattolica di Milano.
52. Lorenzo Rustighi, Univ. di Padova
53. Matteo Bozzon, Univ, di Padova
54. Chiara Maria Lebole, Univ. di Torino
55. Niccolò Bertuzzi (Scuola Normale Superiore),
56. Lorenzo Bosi (Scuola Normale Superiore)
57. Angelo Antonio Cervati (Roma Sapienza)
58. Angelo d’Orsi (Univ. Torino)
59. Luigi Martina, Univ. del Salento
60. Maria Intrieri, Univ. della Calabria
61. Giovanna Daverio, Univ. di Milano
62. Giovanni Muto, Univ. ‘Federico II’, Napoli
63. Carlo Tedeschi, Università di Chieti
64. Francesco Bausi, Univ. della Calabria
65. Filippo Focardi, Università di Padova
66. Luca Fonnesu, Università di Pavia
67. David Burigana, Università di Padova
68. Alessandro Simoncini (Univ. Stranieri Perugia)
69. Alessandro Tripodo (Univ. Messina)
70. Alfio Cortonesi (Università della Tuscia)
71. Alfonso Maurizio Iacono (Univ. Pisa)
72. Alfredo Alietti (Univ. Ferrara)
73. Alfredo Buonopane, Università di Verona
74. Alfredo Mario Morelli (Univ. Ferrara)
75. Francesco Bausi – Università della Calabria.
76. Francesco Cirone (Univ. Bari)
77. Francesco Dini (Univ. Firenze)
78. Francesco Fiorentino, Università di Bari Aldo Moro
79. Francesco Forzati (Federico II Napoli)
80. Francesco Ghia (Univ. Trento)
81. Francesco Grasso (Univ. Firenze)
82. Francesco Ingravalle, l’Università del Piemonte Orientale
83. Gaetano Zimbardo – Università della Calabria
84. Gennaro Carillo Università Suor Orsola Benincasa
85. Gennaro Maria Barbuto (Federico II Napoli)
86. Gerardo Morsella, Università Tor Vergata Roma
87. Giacomo Capuzzo (Univ. Perugia)
88. Giacomo Viggiani (Univ. Brescia)
89. Giampietro Gobo (Univ.Milano)
90. Gian Maria Farnelli, Università di Bologna
91. Gianfranco Bocchinfuso, Università di Roma “Tor Vergata”
92. Gianfranco Ragona (Univ. Torino)
93. Gianluca Navone (Univ. Siena)
94. Gianni Battacone (Univ. Sassari)
95. Gianni Ruocco (Sapienza Roma)
96. Gianni Venturi, Univ. di Firenze
97. Gianvito Brindisi Università “ Luigi Vanvitelli
98. Alfredo Rizza, Univ. di Verona
99. Alice Riccardi (Roma Tre)
100. Alvise Sbraccia (Univ. Bologna)
101. Ambrogio Santambrogio (Univ. Perugia)
102. Amedeo Visconti, Università di Napoli Suor Orsola Benincasa
103. Ana Lourdes de Hériz, Università di Genova
104. Andrea Barenghi (Università del Molise)
105. Andrea Borsari, Università di Bologna
106. Andrea Buccisano (Univ. Messina)
107. Andrea Colesanti (Univ. Firenze)
108. Andrea Cossu (Univ. Trento)
109. Andrea Francesco Abate (Univ. Salerno)
110. Andrea Francioni (Univ. Siena)
111. Daniela Chironi (Scuola Normale Superiore)
112. Lorenzo Cini (Scuola Normale Superiore)
113. Enrico Padoan (Scuola Normale Superiore)
114. Andrea Paci (Univ. Firenze)
115. Andrea Pisaneschi (Univ. Siena)
116. Andrea Raggi, Università di Pisa
117. Andrea Rapini (Università di Modena e Reggio Emilia)
118. Andrea Serafino, Università del Piemonte Orientale
119. Andrea Spreafico (Roma Tre)
120. Andrea Trabocchi (Univ. Firenze)
121. Andreana Marino (Univ. Messina)
122. Alberto Castelli (Univ. Ferrara)
123. Alberto Di Cintio, Università di Firenze
124. Alberto Giovanni Biuso (Univ. Catania)
125. Lorenzo Mechi, Univ. di Padova
126. Alberto Ronco, Univ. di Torino
127. Alberto Sciumé (Univ. Brescia)
128. Alberto Spisni (Univ. Parma)
129. Alberto Tonini (Univ. di Firenze)
130. Alberto Tonini (Univ. Firenze)
131. Alessandra Algostino (Univ. Torino)
132. Alessandra Falduto – Università della Calabria.
133. Alessandra Filabozzi, Università di Roma “Tor Vergata”
134. Alessandra Giunti (Univ. Teramo)
135. Alessandra Pera, Univ. di Palermo
136. Alessandra Sciurba (Univ. Palermo)
137. Alessandra Valastro (Univ. Perugia)
138. Anna Painelli (Univ. Parma)
139. Anna Pettini (Univ. Firenze)
140. Anna Rita Gabellone (Univ. Salento)
141. Annalisa Murgia (Univ. Milano)
142. Annalisa Pace (Univ. Teramo)
143. Annamari Nieddu (Univ. Sassari)
144. Annamaria Loche (Univ. Cagliari)
145. Annamaria Pratelli (Univ. Bari)
146. Annamaria Ruffino (Univ. della Campania)
147. Annibale Elia (docente unisa)
148. Antonella Barzazi, Univ. di Padova
149. Antonella Bronzetti (Univ. Siena)
150. Antonella Dominici (Univ. Stranieri Perugia)
151. Antonietta Mazzette (Univ. Sassari)
152. Antonio Bellizzi di San Lorenzo (Univ. Firenze)
153. Antonio Cavaliere (Federico II Napoli)
154. Antonio Iacobini (Sapienza Roma)
155. Antonio Iannarelli (Univ. Bari)
156. Antonio Marchesi (Univ. Teramo)
157. Antonio Mastropaolo, Università della Valle d’Aosta
158. Antonio Morandi (Univ. Bologna)
159. Antonio Pazzona (Univ. Sassari)
160. Antonio Scialà (Roma Tre)
161. Antonio Scopa (Univ. Basilicata)
162. Antonio Tramontana (Univ. Messina)
163. Antonio Tucci Università di Salerno
164. Antonio Vallini (Univ. Pisa)
165. Arianna Finessi (Università di Ferrara)
166. Arianna Pinto (Univ. Genova)
167. Arianna Thiene, Università degli Studi di Ferrara
168. Armando Vannucci, Università di Parma
169. Arnaldo Canziani (Univ. Brescia)
170. Arnaldo Marcone, Univ. Roma Tre
171. Augusto Guida, Università di Udine
172. Aurora de Leonibus (Univ. Trieste)
173. Barbara Biscotti (Univ. Milano Bicocca)
174. Barbara Carsana (Milano Bicocca)
175. Barbara Grüning (Milano Bicocca)
176. Barbara Henry (Sant’Anna Pisa)
177. Barbara Nacar (Napoli Federico II)
178. Annamaria Nico (Univ. Bari)
179. Barbara Randazzo (Univ. Milano)
180. Barbara Viviani (Univ. Milano)
181. Beatrice Pasciuta (Univ. Palermo)
182. Beatrice Tottossy (Univ. Firenze)
183. Benedetta Baldi (Univ. Firenze)
184. Bianca Cassai (Univ. Firenze)
185. Brunella Casalini (Univ. Firenze)
186. Bruno Accarino (Univ. Firenze)
187. Francesco Morelli (Univ. Ferrara)
188. Francesco Niccolò (Univ. Messina)
189. Francesco Oliveri (Univ. Messina)
190. Francesco Oliviero, Università degli Studi di Ferrara
191. Francesco Petrini, Università di Padova
192. Francesco Schiaffo Università di Salerno
193. Francesco Zanotelli (Univ. Messina)
194. Franco Bellato (Univ. Pisa)
195. Franco Prina (Univ. Torino)
196. Fulvio Mancuso (Univ. Siena)
197. Furio Ferraresi, Università della Valle d’Aosta
198. Anna Maria Poggi Univ. Torino
199. Furio Finocchiaro (Univ. Trieste)
200. G. Matteo Crovetto (Univ. Milano)
201. Gabriella Paolucci (Univ. Firenze)
202. Gabriella Petti, Università di Genova
203. Gabriella Violato, Roma “La Sapienza”.
204. Gaetano Bucci (Univ. Bari)
205. Gaetano Scamarcio (Univ. Bari)
206. Carlo Belli (Univ. Stranieri Perugia)
207. Carlo Bitossi (Univ. Ferrara)
208. Carlo Botrugno (Univ. Firenze)
209. Carlo Brentari (Univ. Trento)
210. Carlo Caprioglio (Roma 3)
211. Carlo Fantappié (Univ. Roma 3)
212. Carlo Mariani, Sapienza Università di Roma
213. Carlo Scilironi (università di padova)
214. Carlo Sotis, Universtià della Tuscia
215. Carmela Morabito, Università di Roma Tor Vergata
216. Caterina Botti, Univ. sapienza Roma
217. Caterina Cancrini, Univ. di Tor Vergata
218. Caterina Filippini (Univ. Milano)
219. Cecilia Blengino (Univ. Torino)
220. Cecilia Corsi (Univ. Firenze)
221. Cecilia Ricci, Università degli Studi del Molise
222. Cesare de Gregorio (Univ. Messina)
223. Cesare Zizza, Università di Pavia
224. Chiara Cappelletto (Univ. Milano)
225. Chiara Cassiani (Università della Calabria)
226. Chiara Giorgi, Univ. di Roma sapienza
227. Alessandra Viviani (Univ. Siena)
228. Alessandro Caselli (Univ. Milano)
229. Alessandro Ferrarin Università di Pisa
230. Angela di Pietro (Univ. Messina)
231. Angela Musumeci (Univ. Teramo)
232. Angela Votrico, Università Tor Vergata Roma
233. Angelo Farina (Univ. Parma)
234. Anita Gramigna (Univ. Ferrara)
235. Anna Barattucci (Univ. Messina)
236. Anna Candida Felici, Università La Sapienza, Roma
237. Anna Grazia Calabrò (Univ. Messima)
238. Anna Loretoni (Sant’Anna Pisa)
239. Anna Maria D’Achille (Sapienza Roma)
240. Anna Maria Poggi, univ. di Torino
241. Anna Maria Porporato, univ. Torino
242. Anna Mastromarino Univ. Torino
243. Anna Modigliani (Univ. della Tuscia)
244. Anna Moroni (Univ. Milano)
245. Anna Nuda (Univ. Sassari)
246. Chiara Giunti (Univ. Firenze)
247. Chiara Mazzoleni (Università Iuav di Venezia)
248. Chiara Piola Caselli (Univ. Perugia)
249. Chiara Stoppioni (Univ. Firenze)
250. Cinzia Buccianti (Univ. Siena)
251. Ciro Pizzo (Napoli Orientale)
252. Cirus Rinaldi, Università di Palermo
253. Claudia Carmina (Univ. Palermo)
254. Claudia Foti (Univ. Messina)
255. Claudia Mantovani (Univ. Padova)
256. Claudio Chiuderi (Univ. Firenze)
257. Claudio Giovanardi (Univ. Roma Tre)
258. Claudio Marchese (Univ. Bologna)
259. Claudio Pellecchia (Univ. Salerno)
260. Claudio Sarzotti (Univ. Torino)
261. Daniela Motta, Università degli Studi di Palermo
262. Daniela Ronco (Univ. Torino)
263. Daniele Bassi (Univ. Ferrara)
264. Daniele Caviglia, università Kore di Enna
265. Daniele Guastini (Sapienza Roma)
266. Daniele Masciatelli (Univ. Pisa)
267. Daniele Pasquinucci (Unisi)
268. Daniele Scarscelli (Univ. Piemonte Orientale)
269. Danilo Zardin (Cattolica Milano)
270. Dario Cecchi (Sapienza Roma)
271. Dario Gentili, Univ. Roma tre
272. Dario Internullo, Univ. Roma Tre
273. Davide Bertaccini, univ. di Bologna
274. Davide Cadeddu (Univ. Milano)
275. Davide Canfora (Univ. Bari)
276. Davide Galliani (Univ. Milano)
277. Davide Petrillo (Univ. Firenze
278. Davide Sparti (Univ. Siena)
279. Davide Tarizzo Università di Salerno
280. Riccardo De Caria, Univ. di Torino
281. Debora Di Mauro (Univ. Messina)
282. Mario Deganello, Univ. di Torino
283. Demico Francavilla Univ. di Torino
284. Dianella Gambini (Univ. Stranieri Perugia)
285. Dimitri D’Andrea (Univ. Firenze)
286. Dino Costa (Univ. Messina)
287. Domenico Buonavoglia (Univ. Bari)
288. Domenico Carbone (Univ. Piemonte Orientale)
289. Domenico Cersosimo – Università della Calabria
290. Domenico Dalfino (Univ. Bari)
291. Domenico Delfino (Univ. Perugia)
292. Domenico Maddaloni (Univ. di Salerno)
293. Domenico Otranto (Univ. Bari)
294. Domenico Patassini (Università Iuav di Venezia)
295. Domenico Siciliano (Univ. Firenze)
296. Domenico Talia, Università della Calabria
297. Domenico Taranto (Univ. Salerno)
298. Domenico Vitulano, Sapienza Università di Roma
299. Domitilla Campanile (Univ. Pisa)
300. Donata Violante, Università degli Studi della Basilicata
301. Donatella Cherubini (Univ. Siena)
302. Donatella Pallotti – Università di Firenze
303. Edoardo Bianchi, Università di Verona
304. Elena Ferioli, Università di Bologna
305. Elena Pasqualetto (Univ. Padova)
306. Elena Pulcini (Univ. Firenze)
307. Eleonora Sirsi (Univ. Pisa)
308. Elettra Stimilli, Univ. sapienza Roma
309. Eliana Billi (Sapienza Roma)
310. Elisa Cavasino (Univ. Palermo)
311. Elisa Gonnelli (Univ. Firenze)
312. Gianmarco Gori (Univ. Firenze)
313. Elisa Ruello (Univ. Messina)
314. Elisa Ruozzi, Univ. di Torino
315. Elisabetta Bianco, Università di Torino
316. Elisabetta Ulivi (Univ. Firenze)
317. Elvira Guida, Univ, della Calabria
318. Elvira Migliario, Università di Trento
319. Emanuela Abbatecola, Università di Genova
320. Emanuela Fronza, Universtià di Bologna
321. Emanuele Arielli (Università Iuav di Venezia)
322. Emanuele Cafagna Università di Chieti/Pescara
323. Emanuele Dettori – Università di Roma “Tor Vergata”
324. Emanuele Stolfi, Università di Siena
325. Emidio Diodato (Univ. Stranieri Perugia)
326. Emilia Sicilia, Università della Calabria
327. Emilio Paolo Visintin (Univ. Ferrara)
328. Enrica Martinelli (Università di Ferrara)
329. Enrico Camilleri Università degli Studi di Palermo
330. Enrico Diciotti (Univ. Siena)
331. Enrico Fontanari (Università Iuav di Venezia)
332. Enrico Pietrogrande (Univ. Padova)
333. Enrico Sciandrello, Univ. di torino
334. Enrico Terrinoni (Univ. Stranieri Perugia)
335. Enza Caruso, Univ. Di Perugia
336. Claudio Toscani (Univ. Milano)
337. Claudio Toscani (Univ. Milano)
338. Concetta de Stefano (Univ. Messina)
339. Concetta Gugliandolo (Univ. Messina)
340. Corrado Dimauro (Univ. Sassari)
341. Cristina Cavallaro (Univ. Torino)
342. Cristina Pace, Università di Roma “Tor Vergata”
343. Cristina Santinelli (Univ. Urbino)
344. Damiana Costanzo – Università della Calabria.
345. Damiano Canale, Univ. Bocconi
346. Daniel Boccacci (Univ. Parma)
347. Daniela Boldini, Sapienza Università di Roma
348. Daniela Bonanno, Università degli Studi di Palermo
349. Daniela Bubbolini (Univ. Firenze)
350. Daniela Caccamo (Univ. Messina)
351. Daniela Lo Giudice (Univ. Messina)
352. Daniela Marchiandi, Univ. di Torino
353. Enzo Colombo (Univ. Milano)
354. Enzo Poli (Univ. Parma)
355. Eraldo Sanna Passino (Univ. Sassari)
356. Erna Lorenzini (Univ. Milano)
357. Ester Cerbo, Università di Roma “Tor Vergata”
358. Ettore Minguzzi (Univ. Firenze)
359. Eugenia Tognotti – Università di Sassari
360. Eugenio Barcellona, univ. di Torino
361. Eugenio Giannelli (Univ. Firenze)
362. Eva Desana Univ. di Torino
363. Ezio Ritrovato, Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”
364. Fabia Grisi (Univ. Salerno)
365. Fabiana Falato (Federico II Napoli)
366. Fabio Casini (Univ. Siena)
367. Fabio D’Andrea (Univ. Perugia)
368. Fabio Frosini (Univ. Urbino)
369. Fabio Gavarini, Roma “Tor Vergata”
370. Fabio Riamondi (Univ. Udine)
371. Fabio Scarabotti, Sapienza Università di Roma
372. Fabio Vlacci (Univ. Trieste)
373. Fabrizio Bertolino, UniVdA
374. Fabrizio Mastromartino (Univ. Roma 3)
375. Fabrizio Scrivano, Università di Perugia
376. Fausta Scia, Univ. Di napoli Federico II
377. Federico Bilò (Univ. Chieti)
378. Federico Chicchi (Univ. Bologan)
379. Federico Giusfredi, Università di Verona
380. Federico Laudisa (Univ. Trento)
381. Federico Lenzerini (Univ. Siena)
382. Federico Oliveri (Univ. Pisa)
383. Federico Squarcini (Univ. Venezia)
384. Federico Tomasselo, Univ. di Venezia
385. Federigo Bambi (Univ. Firenze)
386. Fedrico Battera (Univ. Trieste)
387. Fiammetta Salmoni (Univ. G. Marconi Roma)
388. Filippo Barbera (Univ. Torino)
389. Filippo Ruschi (Univ. Firenze)
390. Filomena Laterza (Univ. Stranieri Perugia)
391. Franca Borgogelli (Univ. Siena)
392. Francesca Bettio (Univ. Siena)
393. Francesca Cantini (Univ. Firenze)
394. Francesca Gambarotto (Univ. Padova)
395. Francesca Gazzano, Università di Genova
396. Francesca Limena, Univ. di Padova
397. Francesca Lozar, Università di Torino
398. Francesca Paruzzo (Univ. Torino)
399. Francesca Poggi, Università Statale di Milano
400. Francesca Rescigno (Univ. Bologna)
401. Francesca Romana Lezzi (Univ. Foro Italico Roma)
402. Francesca Romana Stabile, (Roma Tre)
403. Francesca Vianello (Univ. Padova)
404. ”
405. Valerio Gigliotti, Univ. di Torino
406. Gianfranco Alfano (Federico II Napoli)
407. Gianluca Boniaiuti (Univ. Firenze)
408. Ginevra Salerno (Roma Tre)
409. Gino Scaccia (Univ. Teramo)
410. Giorgio Barberis, Università del Piemonte Orientale
411. Giorgio Bonamente, Università degli Studi di Perugia
412. Giorgio Camassa, Univ di Udine
413. Giorgio Pino (Univ. Roma Tre)
414. Giorgio Poletti (Univ. Ferrara)
415. Giorgio Ricchiuti (Univ. Firenze)
416. Giorgio Sobrino, univ. di Torino
417. Giovanna De Luca (Univ. Messina)
418. Giovanna Pinna Università del Molise
419. Giovanna Sissa (Univ. Genova)
420. Giovanni Alberto Cecconi (Univ. Firenze)
421. Giovanni Bisogni Università di Salerno
422. Giovanni De Cristofaro, Univ. di Ferrara
423. Giovanni Delli Zotti (Univ. Trieste)
424. Giovanni Maria Uda (univ. di sassari)
425. Giovanni Marini, Università di Perugia
426. Giovanni Minnucci (Univ. Siena)
427. Giovanni Orlandini, università di Siena
428. Giovanni Torrente (Univ. Torino)
429. Giovanni Tuzet, Univ. Bocconi
430. Giulia Labriola Università Suor Orsola Benincasa
431. Giuliano Garavini (Roma3)
432. Giuliano Lazzaroni (Univ. Firenze)
433. Giulio Azzolini Università di Venezia
434. Giulio Cerbai (Univ. Firenze)
435. Giulio Ghellini (Unv. di Siena)
436. Giulio Gisondi IISF
437. Giunia Valeria Gatta (Bocconi – Milano)
438. Giuseppe Bruno (Univ. Messina)
439. Giuseppe Campesi (Univ. Bari)
440. Giuseppe Caputo (Univ. Firenze)
441. Giuseppe Cascione Università di Bari
442. Giuseppe Finocchiaro (Univ. Brescia)
443. Giuseppe Ieraci (Univ. Trieste)
444. Giuseppe Lo Castro (Unical)
445. Giuseppe Marino, Università della Calabria
446. Giuseppe Martinico (Sant’ANNA Pisa)
447. Giuseppe Massara (La Sapienza Roma)
448. Giuseppe Montanara (Univ. Teramo)
449. Giuseppe Mosconi (Univ. Padova)
450. Giuseppe Pulina (Univ. Sassari)
451. Giuseppe Scandura (Univ. Ferrara)
452. Giuseppe Squillaci, University of Calabria
453. Giuseppe Zecchini, Università Cattolica di Milano)
454. Gloria Viarengo, Università di Genova
455. Gregorio Arena Università di Trento
456. Guglielmo Monaco (Univ. Salerno)
457. Guglielmo Sanna (Univ. Sassari)
458. Guido Borghi, Università di Genova
459. Guido Gorgoni (Univer. Padova)
460. Guido Maggioni (Univ. Urbino)
461. Guido Sali (Univ. Milano)
462. Ignazio Becchi (Univ. Firenze)
463. Ilaria Caggiano, Università degli Studi Suor Orsola Benincasa
464. Ilaria Madama (Univ. Milano)
465. Ines Corti Università di Macerata)
466. Irene Canfora (Univ. Bari)
467. Irene Zavattero, Università di Trento
468. Isabel Fanlo Cortes (Univ. Genova)
469. Ivan Pupolizio (Univ. Bari)
470. Ivana Acocella (Univ. Firenze)
471. Jessica Piccinini , Univ. di Macerata
472. Katia Poneti (Univ. Firenze)
473. Lapo Filistrucchi (Univ. Firenze)
474. Laura Bafile (Univ. Ferrara)
475. Laura Barile, università di siena
476. Laura Castaldi (Univ. Siena)
477. Laura Lorello (Univ. Palermo)
478. Laura Mecella , Università degli Studi di Milano
479. Laura Pelaschiar (Univ. Trieste)
480. Laura Scudieri, Università di Genova
481. Laura Solidoro Università di Salerno
482. Lea Nocera (Napoli Orientale)
483. Leonard Mazzone Università di Milano Bicocca
484. Leonardo Bargigli (Univ. Firenze)
485. Leone Porciani, univ. di pavia
486. Letizia Mancini (Univ. Milano)
487. Letizia Palumbo (Univ. Palermo)
488. Lidia Lo Schiavo (Univ. Messina)
489. Lionello Franco Punzo (Univ. Siena)
490. Livia Capponi, Università di Pavia
491. Lorenza Perini, Univ. di Padova
492. Lorenza Trabalzini (Univ. Siena)
493. Lorenzo Campagna (Univ. Messina)
494. Lorenzo Fattorini (Univ. Siena)
495. Lorenzo Gnocchi (Univ. Firenze)
496. Luca Baccelli (Univ. Camerino)
497. Luca Basso (univ. Di Padova)
498. Luca De Lucia Università di Salerno
499. Luca Decembrotto (Univ. Bologna)
500. Luca Guzzetti, Università di Genova
501. Luca Loschiavo (Univ. Teramo)
502. Luca Marafioti (Roma Tre)
503. Luca Nivarra (univ. degli studi di palermo)
504. Luca Queirolo Palmas (Univ. Genova)
505. Luca Queirolo Palmas, Università di Genova
506. Luca Trappolin, Università di Padova
507. Luca Verzichelli (Univ. Siena)
508. Lucia Coppolaro (univ. Padova)
509. Lucia Criscuolo, Univ. di Bologna
510. Lucia Denaro (Univ. Messina)
511. Lucia Felici, Univ. di Firenze
512. Luciana Dini, Sapienza Università di Roma
513. Luciana Lazzeretti (Univ. Firenze)
514. Luciana Migliore, Università di Roma “Tor Vergata”
515. Lucilla Gatt, Suor Orsola Benincasa
516. Luigi Callisto, Sapienza Università di Roma
517. Luigi Cominielli (Univ. Milano)
518. Luigi Crema, Univ. statale di Milano
519. Luigi Gallo, Università di Napoli l’Orientale
520. Luigi Gariglio (Univ. Torino)
521. Luigi Pandolfi- già tecnologo Cnr
522. Luisa Revelli, Università della Valle d’Aosta
523. Luisa Stagi, Università di Genova
524. Luisa Torchia (Roma Tre)
525. Maddalena Cinque, Univ. di Padova
526. Magdala Tesauro (Univ. Trieste)
527. Manuela Mantovani, Univ. di Padova
528. Mara Morelli, Università di Genova
529. Marcella Chelotti, Univ. di Bari
530. Marcello Lupi, Università degli Studi della Campania ‘Luigi Vanvitelli’
531. Marco A. Pirrone (Univ. Palermo)
532. Marco Barlotti (Univ. Firenze)
533. Marco Cosentino, Università dell’Insubria
534. Marco Dondi (Univ. Ferrara)
535. Marco Geuna (Univ. Milano)
536. Marco Ivaldo Università di Napoli
537. Marco Lonzi (Univ. Siena)
538. Marco Pelissero (univ. di torino)
539. Marco Peresani (Univ. Ferrara)
540. Marco Pogacnik (Università Iuav di Venezia)
541. Marco Rangone (Univ. Padova)
542. Marco Rossi, Università La Sapienza, Roma
543. Marco Sabbioneti (Univ. Firenze)
544. Marco Santoro (Univ. Bologna)
545. Marco Scoletta, Univ. Di MIlano
546. Marco Vittori Antisari, Sapienza Università di Roma
547. Margherita Facella, Università di Pisa
548. Maria Antonietta Visceglia, Univ. Sapienza Roma
549. Maria C. Quattropani (Univ. Messina)
550. Maria Campanale (Univ. Foggia)
551. Maria Chiara Ruscazio, Univ. di Torino
552. Maria Concetta Abramo (Univ. Messina)
553. Maria Federica Petraccia, Univ. di genova
554. Maria Foti (Univ. Messina)
555. Maria Francesca Davì (Univ. Messina)
556. Maria Gabriella Stanzione (univ. di salerno)
557. Maria Gioffrè Florio (Univ. Messina)
558. Maria Giulia Fabi (Univ. Ferrara)
559. Maria Grazia Pazienza (Univ. Firenze)
560. Maria Iolanda Palazzolo, Univ. di Pisa
561. Maria Letizia Terranova, Università di Roma “Tor Vergata”
562. Maria Malvina Borgherini (Università Iuav di Venezia)
563. Maria Pia Bernasconi, Università della Calabria
564. Maria Pia Ellero (Univ. Basilicata)
565. Maria Pia Paoli (Scuola Normale Superiore di PISA)
566. Maria Rita Manzini (Univ. Firenze)
567. Maria Rosaria Marella (Università di Perugia)
568. Maria Stella Rognoni, Unifi
569. Maria Vittoria Catanzariti, EUI
570. Mariano Croce Università Sapienza di Roma
571. Mariano Sartore (Univ. Perugia)
572. Mariapia Cunico (Università Iuav di Venezia)
573. Marilisa De Serio (Univ. Bari)
574. Marina Calamo Specchia (Univ. Bari)
575. Marina Castellaneta (Univ. Bari)
576. Marina Roggero, Università di Torino
577. Marina Silvestrini, Univ. di Bari
578. Mario Bussoletti (Rome Tre)
579. Mario Caramitti – Università La Sapienza, Roma
580. Mario Monteleone (docente Unisa)
581. Mario Piana (Università Iuav di Venezia)
582. Mario Piccioli (Univ. Firenze)
583. Mario Sechi, Università di Bari
584. Mario Trimarchi, Università di Messina
585. Maristella Adami (Univ. Parma)
586. Markus Ophälders (Univ. Verona)
587. Marta Feroci, Sapienza Università di Roma
588. Martina Galli, Università della Tuscia
589. Massimiliano Ciammaichella (Università Iuav di Venezia)
590. Massimiliano Masucci (Roma Tre)
591. Massimiliano Montini (Univ. Siena)
592. Massimiliano Tabusi, Università per Stranieri di Siena
593. Massimiliano Verga, Univ. di Milano
594. Massimo Basilavecchia (Univ. Teramo)
595. Massimo Bassan, Università di Roma Tor Vergata
596. Francesco Tombesi, Università di Roma Tor Vergata
597. Alessia Fantini, Università di Roma Tor Vergata
598. Manuela Scarselli, Università di Roma Tor Vergata
599. Livio Narici, Università di Roma Tor Vergata
600. Anna Sgarlata, Università di Roma Tor Vergata
601. Claudio Goletti, Università di Roma Tor Vergata
602. Massimo De Carolis Università di Salerno
603. Massimo Gulisano (Univ. Firenze)
604. Massimo La Torre, Università di Catanzaro
605. Massimo Mucci (Università Iuav di Venezia)
606. Massimo Naffisi (Univ. Perugia)
607. Massimo Scotti, Università degli Studi di Verona
608. Matteo Bortolini (Univ. Padova)
609. Matteo Buffa, Università di Genova
610. Matteo Galletti (Univ. Firenze)
611. Matteo Galli (Univ. Ferrara)
612. Matteo Jessoula (Univ. Milano)
613. Matteo Luigi Napolitano, Univ. Molise
614. Matteo Lupano, Università di Torino
615. Matteo Mauri, Università di Roma “Tor Vergata”
616. Matteo V. d’Alfonso (Univ. Ferrara)
617. Maurilio Gobbo, Univ. di Padova)
618. Maurizia Palummo, Università di Roma “Tor Vergata”
619. Maurizio Gargano (Univ. Roma tre)
620. Maurizio Ghisleni (Milano Bicocca)
621. Maurizio Guerri (INSMLI – Istituto F. Parri)
622. Maurizio Pagano (Univ. Stranieri Perugia)
623. Maurizio Taddei (Univ. Siena)
624. Mauro Barni (Univ. Siena)
625. Mauro Federico (Univ. Messina)
626. Mauro van Aken, Università Milano-Bicocca
627. Medardo Chiapponi (Università Iuav di Venezia)
628. Micaela Frulli, Univ. di Firenze
629. Micaela Vitaletti (Univ. Teramo).
630. Michele Graziadei, Univ. Torino
631. Michele Miravalle (Univ. Torino)
632. Michele Zucali (Univ. Milano)
633. Michelina Masia (Univ. Cagliari)
634. Milena Meo (Univ. Messina)
635. Mirella Giannini (Federio II Napoli)
636. Monica Bertè Università di Chieti/Pescara
637. Monica Centanni (Università Iuav di Venezia)
638. Monica Massari (Univ. Milano)
639. Monica Sassatelli, Univ. di Bologna
640. Myriam Chiabò (Univ. Roma Tre)
641. Natale Fioretto (Univ. Stranieri Perugia)
642. Niccolò Bellanca (Univ. Firenze)
643. Niccolò Bertuzzi (Normale Pisa)
644. Niccolò Macciotta (Univ. Sassari)
645. Nicola Cusumano, Univ, di Palermo
646. Nicola Decaro (Univ. Bari)
647. Nicola Doni (Univ. Firenze)
648. Nicola Mancini, Università di Roma “Tor Vergata”
649. Nicola Riva (Univ. Milano)
650. Nicola Vizioli (Univ. Siena)
651. Nicoletta Marcelli (Univ. Urbino)
652. Nunzio Allocca, Univ. sapienza Roma
653. Orazio Puglisi (Univ. Firenze)
654. Paola Cardiano (Univ. Messina)
655. Paola Cosentino (Roma Tre)
656. Paola Farenga (La Sapienza Roma)
657. Paola Maffei (Univ. Siena)
658. Paola Parolari (Univ. Brescia)
659. Paola Persano. Univ. di Macerata
660. Paola Turano (Univ. Firenze)
661. Paolo Ajmone Marsan (Univ. Cattolica Piacenza)
662. Paolo Barrucci (Univ. Firenze)
663. Paolo Bellucci (Univ. Siena)
664. Paolo Costa (Univ. Firenze)
665. Paolo D’Achille (Univ. Roma Tre)
666. Paolo Fabbri (Univ. Ferrara)
667. Paolo Garbolino (Università Iuav di Venezia)
668. Paolo Giovannini (Univ. Firenze)
669. Paolo Heritier (Univ. Torino)
670. Paolo Marcellini (Univ. Firenze)
671. Paolo Trovato (Univ. Ferrara)
672. Paolo Vinci, Università La Sapienza di Roma
673. Pasquale Palmieri
674. Pasqualina Laganà (Univ. Messina)
675. Patrizia Delpiano, Univ. di Torino
676. Patrizio Collini (Univ. Firenze)
677. Perla Allegri (Univ. Torino)
678. Petra Cagnardi (Univ. Milano)
679. Pier Giorgio Borbone (Univ. Pisa)
680. Pier Luca Marzo (Univ Messina)
681. Pier Paolo Portinaro (Univ. Torino)
682. Pier Paolo Zampieri (Univ. Messina)
683. Pierangelo Isernia (Univ. Siena)
684. Piero Graglia (Univ. Milano)
685. Piero Tani (Univ. Firenze)
686. Pierpaola Pierucci (Univ. Ferrara)
687. Pietro Iaquinta, Università della Calabria
688. Pietro Vannicelli, Università di Roma
689. Fiammetta Salmoni, Università telematica Marconi
690. Tommaso Auletta (Università Catania – Dipartimento di Giurisprudenza)
691. Rafael Köche (Univ. Firenze)
692. Renata Pepicelli (Univ. Pisa)
693. Renato Capozzi (Federico II
694. Rita Benigni (Univ. Roma Tre)
695. Rita Mazzei, Università di Firenze
696. Rita Scuderi, Università di Pavia
697. Roberta Dameno (Milano Bicocca)
698. Roberta Fabiani (Roma Tre)
699. Roberta Lanfredini (Univ
700. Roberta Paltrinieri (Univ. Bologna)
701. Roberta Sassatelli (Univ. Milano)
702. Roberto Acquaroli, UNIMC
703. Roberto Bartoli (Univ. Firenze)
704. Roberto Cammarata (Univ. Milano)
705. Roberto Caranta (univ. di torino)
706. Roberto F. Scalon (Univ. Torino)
707. Roberto Gianni (Univ. Firenze)
708. Roberto Natoli (Univ. Palermo)
709. Roberto Sammartano, univ. di Palermo
710. Roberto Villa (Univ. Milano)
711. Roberto Voza (Univ. Bari)
712. Rocco Alessio Albanese, Università di Torino
713. Rocco Sciarrone (Univ. Torino)
714. Roger Campione (Univ. Oviedo)
715. Rosaria Priosa (Univ. Firenze)
716. Rossella Fabbrichesi (Univ. Milano)
717. Roverto Bellotti (Univ. Bari)
718. Ruggero Bertelli (Univ. Siena)
719. Sabino Fortunato (Roma Tre)
720. Sabrina Colombo (Univ. Milano)
721. Salomé Archain (Univ. Firenze)
722. Salvatore Bottari (Univ. Messina)
723. Salvatore Cingari (Univ. stranieri Perugia)
724. Salvatore Florio (Univ. Federico II Napoli)
725. Salvatore Pier Giacomo Rassu (Univ. Sassari)
726. Salvatore Prisco (Federico II Napoli)
727. Salvatore Ritrovato (Univ. Urbino)
728. Salvatore Rizzello, Università del Piemonte Orientale
729. Sandra Carillo, Sapienza Università di Roma
730. Sandra Teroni, Univ. di Cagliari
731. Sandro Busso (Univ. Torino)
732. Sandro Busso, PA, Università di Torino, Dipartimento di Culture, Politica e Società.
733. Sandro Chignola, (Univ. Padova)
734. Sandro Luce, Univ. di Salerno
735. Sandro Meli (Univ. Parma)
736. Sara Galeotti (Roma Tre)
737. Sara Lorenzini (Università of Trento)
738. Sara Menzinger (Roma Tre)
739. Saverio Betuzzi (Univ. Parma)
740. Saverio Regasto (Univ. Brescia)
741. Saverio Simone (Univ. Bari)
742. Serena Maffioletti (Università Iuav di Venezia)
743. Sergio Caruso Univ. di Firenze
744. Sergio Gessi (Univ. Ferrara)
745. Silvano Zippoli Caiani (Univ. Firenze)
746. Silvano Zucal (Univ. Trento)
747. Silvia Borrelli (Univ. Ferrara)
748. Silvia Brandani (Siena)
749. Silvia di Paolo (Univ. Roma 3)
750. Silvia Giorcelli, Università degli Studi di Torino
751. Silvia M. Marengo -Università di Macerata
752. Silvia Orlandi (Sapienza Università di Roma)
753. Silvia Rodeschini, Università di Firenze
754. Silvia Schiavo, Università degli Studi di Ferrara
755. Silvia Stefani, Università di Torino
756. Silvia Vida (Univ. Bologna)
757. Silvia Vignato, Università Milano-Bicocca
758. Silvio Dolfi (Univ. Firenze)
759. Simona Antolini, Univ. degli studi di Macerata
760. Simona Pergolizzi (Univ. Messina)
761. Simone Ciofi Baffoni (Univ. Firenze)
762. Simone Neri Serneri, Univ. Di firenze
763. Simone Paolo (Sapienza Roma)
764. Simone Vieri (Sapienza Roma)
765. Simonetta Bottarelli (Univ. Siena)
766. Sofia Ciuffoletti (Univ. Firenze)
767. Sotera Fornaro – Università di Sassari
768. Stefania Consigliere, Università di Genova
769. Stefania De Vido, Università Ca’ Foscari Venezia
770. Stefania Gialdroni (Roma Tre)
771. Stefania Paone, Università della Calabria.
772. Stefania Taviano (Univ. Messina)
773. Stefania Veltri, Università della Calabria
774. Stefano Acierno, Università degli Studi del Sannio di Benevento.
775. Stefano Anastasia (Univ. Perugia)
776. Stefano Ba’ (Leeds Trinity University)
777. Stefano Bartolini (Univ. Siena)
778. Stefano Bory (Federico II Napoli)
779. Stefano Bruni (Univ. Ferrara)
780. Stefano Caneva, Univ, di Padova
781. Stefano Capparelli, Sapienza Università di Roma
782. Stefano Giovannuzzi (Univ. Perugia)
783. Stefano Pagliantini (Universita di Siena)
784. Stefano Pietropaoli Università di Salerno
785. Stefano Semplici (Tor Vergata Roma)
786. Stefano Simonetta (Univ. Milano)
787. Stefano Velotti (Sapienza Roma)
788. Stefano Zirulia, Università degli Studi di Milano
789. Stella Merlin Università di Verona
790. Sussana Pozzolo (Univ. Brescia)
791. Sveva del Gatto (Roma Tre)
792. Tania Toffanin (Univ. Padova)
793. Tecla Mazzarese (Univ. Brescia)
794. Teresa Abate (Federico II Napoli)
795. Tiziana Ferreri (Univ. Siena)
796. Tommaso di Marcello (Univ. Roma Tre)
797. Tommaso Greco, Univ. di Pisa
798. Tullio Fenucci (docente unisa)
799. Ubaldo Fadini (Univ. Firenze)
800. Ugo Carlone (Univ. Perugia)
801. Gianfranco Cartei (Univ. Firenze)
802. Ugo Fantasia Università di Parma
803. Umberto Roberto, Università Europea di Roma
804. Umberto Roma, Univ. di Padova
805. Valentina Gritti (Univ. Ferrara)
806. Valentina Pazé (Univ. Torino)
807. Valeria Ferraris, Univ. di Torino
808. Valerio Casadio, Università di Roma “Tor Vergata”
809. Valerio Marotta (Univ. Padova)
810. Velia Minicozzi (Roma Tor Vergata)
811. Venanzio Raspa (Univ. Urbino)
812. Veronica Valenti (Univ. Parma)
813. Vincenza La Fauci (Univ. Messina)
814. Vincenza Pellegrino (Univ. Parma)
815. Vincenzo Cicero (Univ. Messina)
816. Vincenzo Lavenia (Univ. Bologna)
817. Vincenzo Omaggio Università Università Suor Orsola Benincasa
818. Vincenzo Pacillo, Univ. di Modena e Reggio Emilia
819. Vincenzo Romania (Univ. Padova)
820. Vincenzo Scalia (Univ. Winchester)
821. Vincenzo Vaiano (Univ. Salerno)
822. Vincenzo Valori (Univ. Firenze)
823. Vincenzo Venditto (Univ. Salerno)
824. Vito Leccese (Univ. Bari)
825. Vittoria de Nitto, Università Tor Vergata Roma
826. Walter Lapini, Università di Genova
827. Zeffiro Ciuffoletti (Univ. Firenze)
828. Luisa Prandi, Università di Verona
829. Francesco Camia, Univ. Sapienza Roma
830. Giulia Arena, Università di Genova
831. Francesco Stellato, Università Tor Vergata, Roma
832. Giulio Cimini, Università Tor Vergata, Roma
833. Alessio Porretta, Università Tor Vergata, Roma
834. Stefano Trapani, Università Tor Vergata, Roma
835. Angela Di Pietro, Università di Messina
836. Raffaele Molinari, Università della Calabria
837. Lucia Veltri, Università della Calabria
838. Francesco Mazza, Università della Calabria
839. Maria Nuzzaci, Università degli Studi della Basilicata
840. Natascia Mattucci (Università di Macerata)
841. Sabrina Pavone (Università di Macerata)
842. Raffaella Niro (Università di Macerata)
843. Francesco Bartolini (Università di Macerata)
844. Sergio Amato (Univ. Siena)
845. Simone Borghesi (Univ. Siena)
846. Silvia Ferrini (Univ. Siena)
847. Gianni Silei (Univ. Siena)
848. Pietro Masala (Univ. Siena)
849. Raffaele Lenzi (Univ. Siena)
850. Eva Lehner ((Univ. Siena)
851. Giovanni Minnucci (Univ. Siena)
852. Laura Castaldi (Univ. Siena)
853. Paolo Venturi (Univ. Siena)
854. Alessandra Viviani (Univ. Siena)
855. Gerardo Pellegrino Nicolosi (Univ. Siena)
856. Elisa Ticci (Univ. Siena)
857. Tiziana Ferreri (Univ. Siena)
858. Luciano M. Fasano (Univ. Milano)
859. Alberto Battistini (Univ. Siena)
860. Andrea Pellizzari, Università degli Studi di Torino
861. Devi Sacchetto, Univ. di Padova
862. Fabrizio Oppedisano, Scuola Normale Superiore
863. Egidia Occhipinti, Univ. di Palermo
864. Michelangelo Conoscenti (Università di Torino)
865. Maria Chiara Pievatolo (Univ. di Pisa)
866. Chiara Carsana, Univ. di Pavia
867. Irene Fosi, Università degli Studi “G. d’Annunzio”Chieti
868. P. Davide COZZOLI (Univ. Salento)
869. Federica Fontana (Univ. Ferrara)