PANDEMIC, PANIC, PAN

Francisco-J. Hernández Adrián – May 2020

 

Too much freedom was given to me all at once, freedom to make those I miss live again, freedom to pursue the apparitions standing real before me.

Suzanne Césaire[i]

 

We are being educated in unfreedom. We are being relentlessly brutalized, blind-folded and repressed in myriad ways by a narcissistic archenemy who hides in a thicket of telecommunications networks and exhibits himself obscenely as a compound image of disconnected, defeated, sub-natural phantasmagoria. Welcome to the orgiastic celebration of total power and the fulfilment of implacable annihilation in the name of fabulous profit for the powerful few. We navigate an age of vertiginous obsolescence and disposability, feeding the planetary landfill at incalculable speed. In the worldwide scenarios of a common confinement, what stays and what returns? This is not a fable, but a mirror image of a fragmented process. Call it modernity or colonialism, exploitative neoliberalism or extractivism. Call it the current COVID-19 pandemic. The image splits.

The biopolitical stakes are transcendental. In a few weeks we, transient citizens, detainees, immigrants, all en route, have transitioned swiftly from a fragmented panorama of latent biopolitical junctures onto the terra incognita of planetary necropolitics. Hypermodernity, accelerated capitalism and pleonexia caaaaaame toooo aaaa haaaaaaalt, staggered on the verge of regression like a squealing locomotive. For a short period, we heard birdsong, saw wildlife reclaim our cities, breathed cleaner air and beheld the twinkling stars on the crisp midnight skies. These last few weeks have been an experiment in regression, an ironic reckoning with the camp and retro foundations of the neoliberal landfill. The air is too crisp, the trees are exuberant. Is this hay fever or the virus?

Many images have entered our consciousness uninvited, turning seductive and frightening in their apparent innocence. They have projected themselves like old films against a thick fog, like visitations from the depths of our collective unconscious, yet they are intimately associated to individual experiences and lived trajectories. Because images structure how we are collectively represented and represent ourselves in the world, we remain attentive to unexpected turns in our imaginaries, aware that they will require new modes of biopolitical alertness and corporeal action. We reflect below on one of those uninvited images that for us encapsulates the scenes of transmission and confinement.

I

It is said that once a man entered into a friendship with a satyr
Aesop[ii]

Pan seduces Daphnis, who holds the flute meekly, concentrating on the first lesson, wondering cautiously at the magical object that carries the enigma of music, storytelling and song. This knowledge can be accessed by conscientious application and practice, until the skill becomes second nature, declaring the wisdom and introspection of the lyrical shepherd community. (We are reminded of Miguel Hernández, the Spanish goatherd who perished in a fascist prison after being jailed for his Communist engagement during the Spanish Civil War. He, too, lived and wrote poetry in confinement, and died of tuberculosis). Musical and literary practices are transmitted through intimacy, seclusion and sensory attentiveness.

Pan and Daphnis. Roman marble copy after a Greek sculpture by Heliodorus, ca. 100 BCE.
Collection of the Naples Museum of Archeology.

Astute and well-seasoned in the arts of strategic deceit and pastoral paideia, Pan holds the young Daphnis by the bare shoulder, his rugged hands guiding the youth’s own unskilled hand in the appropriate direction. After centuries of demonization and bad press, by the likes of Jerome of Stridon, Augustine of Hippo, and Isidore of Seville, Pan, and the satyrs and fauns, were condemned to pestilent marginality as the carriers of obscenity, indecency and bestiality. But in this pagan image of an allegorical encounter we discern two sentient beings engaging in erotico-musical intercourse. The young Daphnis’ world mirrors our own narcissistic fantasies of limitless reproduction and growth echoing across colonizable space. Pan hails from a different place, the Arcadia of natural harmony and splendor, an idealized Peloponnese of sensory co-existence and queer transmissions. For the confined islander who writes these notes, Pan and the nymphs reside in the archaic depths of laurisilva, the wet forests of the Canary Islands and Madeira.

The transmission of erotico-musical practices reminds us that cultural intelligence thrives through the sharing of material techniques, the affective configuration of cultural objects, and the memory of promiscuous transmissions. Today’s Daphnis – we, transient citizens, queer detainees, immigrants all; consumers, members of the precariat, the dying, the young – can no longer relate freely to the echoes of Pan’s long-forgotten influence upon humanity, his inspiring and fertilizing hold on humanity’s shoulder in Arcadia, the domains of Cybele and Poseidon. Instead, we surrender to the commodities that a multiply displaced labor precariat assembles in intimate contact with state-managed machines, and that we utilize and discard with little regard for Arcadia’s irreversible disfiguration and our own psychic loss.

As we accomplish the annihilation of the biosphere and total necropolitical subjugation, we are told that we can develop a means to limit and eventually exclude Pan’s excessive hold on us, young and old images of Daphnis. Our hyperconnected planetary consciousness deploys images of Pan as pandemic, pandemonium and panic. In the aftermath of COVID-19, we learn of ever more insidious means to trace our latent contribution to the basic reproduction number (R0). Watch where you sit: on a rock, in the company of some nymph or faun, or somewhere among the herd. We are all governed and traced, and suspected of resisting well-justified biopolitical surveillance. We are all potential saboteurs. Remember the 1980s and ‘90s, imagine this in the midst of the AIDS pandemic. We know how Pan, a figure of interspecies transmission and contagion – a figure of relational co-habitation and common sensory freedoms –, was represented and disfigured to preserve homophobic fantasies of young Daphnis as a biopolitically reprogrammable ego ideal. Through this sanitized image of separation and autonomy, the transmission and circulation of erotico-musical practices was effectively contained and progressively evicted from the common imagination. We call this integration, but the image splits.

 

II

 

On distributing the story into smaller proportions that will correspond to the capacity of absorption of our mouths, the capacity of vision of our eyes, and the capacity of bearing of our bodies.

Trinh T. Minh-ha[iii]

Who are the muses of confinement? Which ideological talents do they whisper? We write these notes as islanders and members of a confined intellectual diaspora. Pondering the clear night skies in North East England, we have wondered about different ways of scrutinizing the stars across the ages, from Athens to Yanomami territory. Remembering our sleeping bag excursions to Mount Teide, we have thought about the urgent need for communal lucidity, elucidation, a patiently negotiated clarity. Unable to plan, we have felt excluded from historical and temporal perspective. How shall we chronicle this stasis? How shall we narrate the recent and the unreachable? The scene in the shape of a marble sculpture comes to us from the mythical depths of European consciousness, a fantasy of an ideal Europe that we have questioned for a long time. Its sculpted anecdote urges us to consider the value of distant and remote images of ourselves.

We extract the Earth’s riches and ravage the biosphere to satisfy our lustful pleonexia. We do this efficiently and in the name of self-evident technological conquest, rational utilitarianism, economic acceleration and exorbitant progress. But the music is gone, the future has vanished, Daphnis sits alone and sick, having become more marble than human. The arcane practices he learned from Pan had helped him to live as a human among other species. The warm caress, the deep and gentle hum, the musky odor of a fellow creature, are all signs born of a common planet. The space of this intimate encounter is the wilderness, a realm of enigmatic life forms and sensuous transmissions. Its libidinal economy reverberates with the long-lost fantasy of Arcadian innocence and proto-agrarian coexistence: an economy of immediacy and exposure, unregulated vulnerability and sensory interdependence.

We listen to the radio and watch documentary and fiction films, impromptu “home videos” and audiovisual pieces streamed for us on a permanent basis. We turn to personal archives in search of places, experiences, environments, and vivid recollections from the time of normality. We delight in a fresh appreciation for practices of recovery, reassembling, recontextualizing materials from a limited past dating back to our grandparents’ shared memories, communicated in familiar intimacy and carrying the distorted echoes of a now remote past century. The experience of confinement enables the rediscovery of limited temporalities, not abyssal origins; sensory evidence, not exotic longing; essential listening and remembrance, not elaborate daydreaming. How much have we suppressed in the name of technological connectivity and illusion-driven ideation?

We are being educated in unfreedom. Short of global warfare, an archipelagic proliferation of sensory data from localized conflicts comes into sharp focus, translating as a permanent state of disconnection across multiple war zones. In the midst of this representational superabundance, recent conflicts are consigned to an anecdotal, interstitial regime. COVID-19 is a collapsed state of tactical elisions and compulsory connectedness. The question remains: Will we listen to Pan in the aftermath of this feverish state? “I want you to act as if your house was on fire.”[iv] Our house is on fire and the unravelling of this devastation is streaming in “real time,” no matter how carefully we turn away from the multiply localized war archipelago. If a catastrophe is a radical or unexpected turn, and we hear predictions of an imminent return of the state to protect us from what it has been so profoundly complicit in sustaining, then we can also envision an imminent overturn of state forms. As we all turn and states turn, we can imagine an initial phototropism. Like plants, we could turn to the light or remain turned away. Will we resist the allure of a fraudulent choice between hyperproductive unfreedom and deaccelerated pandemonium?

 

III

 

Fever when you hold me tight.
Little Willie John[v]

 

Another image, of a fictional Amerindian couple in a cage, insinuates itself as we ponder the Pan and Daphnis marble. The Couple in the Cage, a 1993 video by Coco Fusco and Paula Heredia, chronicles in “real” and edited time a performance by Guillermo Gómez-Peña and Coco Fusco, Two Undiscovered Amerindians Visit the West (1992-1994). Watching these images today, witnessing the public’s reactions to the itinerant display of an “indigenous” couple in a cage exhibited in museums and public spaces across the world, we immerse ourselves in an astonishing flow of racist stereotypes, cultural prejudices, and gut reactions to an event that is calculated to elicit scopophilic panic and uncomfortable public debate. The spectacle brings us momentarily closer to the experiences of the displaced and the detained. As we prepare for a precarious return to public space, and re-enter the deserted streets of the recent past, how much will we remember? These images count among our transitional objects.

Guillermo Gómez-Peña and Coco Fusco, Two Undiscovered Amerindians Visit the West (1992-1994).

Coco Fusco and Paula Heredia put Pan and Daphnis in global context. The performance they document hinges on fake discovery and ignorant wonder. Implicitly, they question how we figure, contextualize and chronicle our inadequate identifications with this and other couples in the cage and with those who visit the exhibition of an itinerant anomaly. Today, our individual performances suffer from a series of attritions: unfreedom is now re-contextualized as un-precedented, un-certain, un-clear, un-available, un-thinkable. As we absorb the expanding ripples of an event that, we are told, occurred and was meant to remain contained in distant China, we desire images from a possible future we can control. Instead, we have images of a geopolitically opaque and stagnant present. As the fog lifts (for how long?), a renewed awareness of systemic institutional failure, fractured state protection, and corporate entropy extends like a nightmarish panorama of imminent devastation.

The seduction scene is a figure of timeless encounter in the optimal dreamworld of prelapsarian Arcadia. It is also a reminder of our own impermanence as spectators at the dystopic performance of planetary catastrophe. Because we find ourselves immersed in an unstable realm of archetypal figures, these images can migrate and relocate to be experienced in multiple contexts, allowing for myriad projections and perspectives. But what do these images chronicle? We suspect that they do not measure events in the present time of confinement and social distancing, but perhaps simply register a remote and irrepressible memory of erotico-musical transmission. We are conflicted about exiting these domestic laboratories of the confined body-mind. We are ambivalent about waking up entirely or too abruptly from this intermediary kingdom of imaginary visitations and apparitions that nonetheless constitutes us partially as static travelers and caged detainees. It could be a long journey back to the other end.

We reflect upon this sudden reorganization of our sensory capacities; this realignment of proximity, scale, and perception. We are co-opted to subtend “the economy” and the markets, tutelary specters of permanent planetary disorder that excrete their subjects, rendering our modes of existence obsolete, rendering us disposable. We fear further unfreedom as we witness a feverish reorganization of our private and communal economies. What shall we make of this ostensibly limited and disorienting time, when we consider our affective economies and sensory commitments? A fierce assault on the aesthetico-political promise of this and future moments of occlusion and aperture is certain to occur and gain force in the shape of new pandemic, environmental, and technological panics. As we step out of immobility, what new demands will shape how we mobilize? What images will guide our imaginary projections, our commitment to freedom? The memory of Herculaneum and Pompeii will still haunt us. Will we also remember Haiti and Syria, the Amazon and Lesbos, and all the walls?


[i] Suzanne Césaire, The Great Camouflage: Writings of Dissent (1941-1945), ed. Daniel Maximin, trans. Keith L. Walker (Middleton, CT: Wesleyan University Press, 2012), 21.

[ii] Aesop, “The Man and the Satyr,” The Complete Fables, trans. Olivia and Robert Temple (London: Penguin, 1998), 48.

[iii] Trinh T. Minh-ha, “Keepers and transmitters,” Woman, Native, Other: Writing Postcoloniality and Feminism (Bloomington and Indianapolis: Indiana University Press, 1989), 123.

[iv] Greta Thumberg, “Cathedral Thinking,” No One Is Too Small to Make a Difference (London: Penguin, 2019), 45.

[v] Eddie Cooley and Otis Blackwell, “Fever,” performed by Little Willie John, 1956.

 

Perché la Dad non è didattica

di Alberto Giovanni Biuso
(da Bollettino di Ateneo dell’Università di Catania, 25.4.2020)

Ci sono delle formule che confessano da sole il proprio limite. L’acronimo Dad –‘didattica a distanza – è una di esse. Per la chiara e documentata ragione che ‘insegnare a distanza’ è una contraddizione in termini. Insegnare è infatti un’attività e una sfida che consiste nell’incontro tra persone vive, tra corpimente che occupano lo stesso spaziotempo non per trasmettere nozioni ma per condividere un mondo.

Scambiare saperi

Insegnare significa costruire giorno dopo giorno, saluto dopo saluto, sorriso dopo sorriso una relazione profonda, rispettosa e totale con l’Altro, in modo da riconoscersi tutti nella ricchezza della differenza. Insegnare significa abitare un luogo politico fatto di dialoghi, di conflitti, di confronto fra concezioni del mondo e pratiche di vita. Insegnare non significa erogare informazioni ma scambiare saperi mediante «voci, sorrisi, sguardi, rimproveri, incoraggiamenti, ragionamenti, corpi» (Anna Angelucci, Pedagogia dell’emergenza, in Medicina & Società). A distanza tutto questo è semplicemente impossibile perché l’università non è un servizio amministrativo, burocratico, formale, che possa essere svolto tramite software; l’università è un luogo prima di tutto fisico dove avviene uno scambio di totalità esistenziali. E invece «senza essere sfiorati dall’ombra di un dubbio, ci si è consegnati anima e corpo alla soluzione della didattica a distanza come forma che può sostituire la lezione in presenza», accettando «leliminazione del contatto fisico tra docente e studenti, e tra studente e studente» (Monica Centanni, Appunti sulla teledidattica 2).

Tra diritto al sapere e digital divide

Una certa adesione acritica alla didattica telematica sembra ignorare il Digital divide, il fatto che «un terzo delle famiglie non ha pc o tablet a casa”, specialmente al Sud» (Le nuove diseguaglianze al tempo della didattica, la Repubblica, 6.4.2020). Non solo: «In questi giorni preoccupa anche l’opportunismo con cui vertici istituzionali e portatori di interessi prendono posizione sulla didattica a distanza, che docenti di ogni ordine e grado stanno praticando con straordinaria generosità, dedizione e competenza, nel tentativo di garantire agli studenti il diritto al sapere sancito dalla Costituzione. Il rischio è che una prassi imposta da ragioni di forza maggiore venga giudicata con ingenuo entusiasmo o, peggio, trasformata in una sorta di sperimentazione forzata, dietro la quale traspaiono finalità del tutto estrinseche ai diritti degli studenti e alle funzioni didattiche dei docenti» (Aa.Vv, Disintossichiamoci: sapere per il futuro).

È infatti assai grave ipotizzare di «lasciare molte migliaia di studenti ancora a lungo (o per sempre?) incollati agli schermi del PC di casa 10 ore al giorno, satelliti connessi con reti traballanti ma sempre più sconnessi dalle relazioni sociali e dalla prossimità umana che caratterizza l’esperienza universitaria, magari avendo anche la protervia di presentare pubblicamente la cosa come una grandiosa e splendida novità, il progresso “in loro favore”» (Rete29aprile, Emergenza e sistema universitario).

La finzione dei bit

Senza relazione tra corpi, tra sguardi, tra battute, tra sorrisi, tra esseri umani, e non tra piattaforme digitali, senza le persone vive nello spaziotempo condiviso, non esiste insegnamento, non esiste apprendimento, non esiste università. Non possiamo permettere che degli schermi riducano la conoscenza ad alienanti giornate dietro e dentro un monitor. La vita trasformata in rappresentazione televisiva o digitale diventa finta, si fa reversibile nell’infinita ripetibilità dell’immagine, nel potere che l’icona possiede di fare di sé stessa un presente senza fine. Abituandoci a sostituire le relazioni del mondo degli atomi con la finzione del mondo dei bit rischiamo di perdere la nostra stessa carne, il senso dei corpi, la sostanza delle relazioni. Non saremo più entità politiche ma ologrammi impauriti e vacui.

Sto svolgendo le mie lezioni in questo secondo semestre e più passano i giorni più sento l’alienazione intrinseca alla didattica on line, la tristezza di una distanza che lo strumento non può colmare, l’assurdità delle aule vuote. E sono sempre più convinto dell’equazione tra educazione e corporeità, quella che rende insostituibile la didattica in presenza. Agli studenti che mi vedono in Dipartimento ed esprimono uno struggente desiderio di tornare anch’essi al Monastero rispondo che sto tenendo loro il posto. Non pixel su un monitor ma umani nello spazio e nel tempo.

Coronavirus Germania, Wolfgang Schäuble: «La dignità delle persone viene prima della salvaguardia della vita»

L’ex ministro delle Finanze e presidente del Bundestag in una intervista al Tagesspiegel dice che è sbagliato lasciare le decisioni interamente nelle mani dei virologi: «Bisognerà tenere conto di tutte le implicazioni economiche, sociali e psicologiche»

di Paolo Valentino
(da Il Corriere della Sera, 26.4.2020)

Diventa un tema centrale e lacerante in Germania la limitazione delle libertà personali e della privacy a causa del coronavirus. L’avvertimento più clamoroso e significativo viene dal presidente del Bundestag, Wolfgang Schäuble, secondo il quale è «assolutamente sbagliato subordinare tutto alla salvaguardia della vita umana». In una intervista al quotidiano Der Tagesspiegel, l’ex ministro delle Finanze ricorda che «se c’è un valore assoluto ancorato nella nostra Costituzione, questa è la dignità delle persone, che è intoccabile. Ma questo non esclude che dobbiamo morire».

La dignità delle persone

La frase «la dignità delle persone è intoccabile» apre in effetti l’articolo 1 della Costituzione della Repubblica federale. La conseguenza, secondo Schäuble, è che lo Stato deve assicurare a tutti le migliori cure sanitarie possibili, «ma purtroppo le persone continueranno a morire a causa del Covid-19». Schäuble ammonisce che le misure restrittive produrranno prima o poi un rovescio nell’atteggiamento della popolazione: «Più a lungo dura, più sarà pesante».

Le proteste

E in verità già nel fine settimane sia a Berlino che a Stoccarda si sono registrate dimostrazioni di protesta contro la limitazione delle libertà di movimento e di riunione, in sfida al divieto di assembramento, che limita a tre persone le riunioni in pubblico. Nella capitale, la polizia ha anche effettuato anche alcuni fermi. Schäuble ha spiegato che l’uscita dalla quarantena sarà più difficile di quanto sia stato entrarvi. Le restrizioni dovranno essere eliminate con cautela e «passo dopo passo», ma le decisioni non possono essere lasciate interamente nelle mani dei virologi. «Bisognerà tenere conto di tutte le implicazioni economiche, sociali e psicologiche». Le conseguenze di un lock down prolungato «sarebbero spaventose».

Il dibattito sulle app

I moniti di Schäuble, 77 anni, considerato uno dei padri nobili della nazione, cadono mentre un altro dibattito molto controverso è in corso sul software che verrà usato nella app in preparazione per tracciare i contagiati e i loro contatti. In risposta alle molte critiche emerse contro l’ipotesi di raccogliere i dati in un server centralizzato, secondo il progetto Pepp-PT, il governo ha cambiato la sua posizione. Il ministro della salute Jens Spahn si è infatti espresso in favore di una soluzione decentralizzata, con il progetto DP-3T, in base al quale i dati verranno raccolti solo nei singoli cellulari e poi trasmessi alle autorità: «Questo – ha spiegato il capo della cancelleria, Helge Braun – creerà maggiore fiducia».

 

 

Il rimodellamento pandemico del Super-Io

di Afshin Kaveh
(25.4.2020)

La peste aveva ricoperto ogni cosa: non vi erano più destini individuali,
ma una storia collettiva, la peste, e dei sentimenti condivisi da tutti
.
Albert Camus – La peste

Il termine Super-Io (Über-Ich), da Freud introdotto tra le pagine de L’Io e l’Es nel 1922 come una delle tre istanze della personalità, è immaginato funzionalmente come censore, se non proprio giudice, dell’Io (Ich) con l’interiorizzazione non solo dei divieti rafforzati dall’educazione e dalle norme morali e sociali, ma anche del profondo senso di colpa nel trasgredirle. Se con Foucault possiamo dire di aver compreso i meccanismi agenti in questo tipo di modellamento dal XIV al XVIII secolo, tra legge, disciplina e sicurezza (lezione magistralmente sintetizzata da Giovanna Cracco nel suo articolo Covid-19. Lockdown nel numero 67 della rivista Paginauno), non può che sorgere spontaneamente un quesito che rimanda direttamente al contesto presente, chiedendosi cosa di tutte le drastiche decisioni recentemente intraprese rispetto alla gestione del Covid-19, tra Decreti e Ordinanze, verrà interiorizzato ben oltre i termini temporanei e transitori così come sono stati inizialmente presentati. Ebbene, non un domandarsi della tragicità di un’epidemia, checché se ne dica comunque innegabile, ma il porsi quesiti a proposito del modo nel quale viene gestita e delle sue possibili conseguenze, oltre che sui suoi sviluppi futuri, immaginabili o meno che siano.

Certo, anche l’interrogarsi sull’origine e sulla diffusione del virus, attraverso una schematizzazione storica che va dalla Sars all’aviaria sino all’influenza suina, apre uno scenario che ormai non può che essere radicalmente critico, in una prospettiva ecologista, verso i modelli  dell’organizzazione economica capitalistica e le sue incontrovertibili conseguenze epidemiologiche; certamente questo sarà, anzi dovrà essere, un tema su cui esercitare prassi e riflessione, e assieme a codesto punto ci si dovrà impegnare a proporre tutta una serie di istanze che vadano a sostituirsi alle colonne portanti dell’organizzazione attuale della vita quotidiana, da tempo date non solo per astoriche ma anche per acriticabili, e che ora, una dopo l’altra, come un’unica e fragile Torre di Babele, crollano tra il frastuono di gravi contraddizioni.

Ha ragione dunque Gianfranco Sanguinetti nello scrivere che «grazie al virus, si è rivelata alla luce del sole la fragilità del nostro mondo», ma è proprio in un labile mondo di fragilità come il nostro che l’ultima chiamata non poteva che essere dietro l’angolo. È anche vero che «i contemporanei», come scrive ancora Sanguinetti, «sembrano temere solo il virus» nonostante «il gioco attualmente in corso» sia «infinitamente più pericoloso del virus» stesso, tanto da essere sicuro del nome che gli storici futuri daranno alla nostra epoca: quella «del Dispotismo Occidentale».

Dal silenzio delle strade deserte, dal timore dell’incontro dei corpi e da una società che ha ormai palesato l’obsolescenza dell’umano facendo a meno dell’insieme di individui sociali e reggendo sulla sola circolazione di armi, merci e legge, si alzano quei dubbi che, colti da Giorgio Agamben, si sviluppano attorno al quesito su quel che sarà la fine delle restrizioni imposte nella gestione del virus: «una volta che l’emergenza, la peste, sarà dichiarata finita» scrive appunto Agamben, «non credo che, almeno per chi ha conservato un minimo di lucidità, sarà possibile tornare a vivere come prima» e, secondo il filosofo romano, «questa è forse oggi la cosa più disperante, anche se, com’è stato detto, «solo per chi non ha più speranza è stata data la speranza», dimenticando forse che chi pronunziò tali parole morì suicida; certo, in un momento storico del tutto particolare.

Eppure credo che la speranza ci sarà, logico, ma solo in chi, immaginandosi oltre la situazione d’oggi, non vorrà ritornare a vivere come prima, riconoscendo proprio in quello stesso prima la radice di ogni problematica attuale. Presa piena coscienza di ciò si può invertire la rotta del rimodellamento del Super-Io, al di là di ogni possibile senso di colpa, anche perché riconoscere la stessa radice-marcia non può che giovarci nel trasgredire le lezioni, le restrizioni e gli obblighi disciplinanti delle malerbe.

Assistere i propri cari, seppellire i propri morti

Lucrezio, De rerum natura VI, 1119-ss.

di Monica Centanni
(da Capolavori della letteratura – Live Streaming, YouTube, 23.4.2020)

Non è sempre gioioso il gioco della natura, non è sempre felice per gli uomini la danza imprevedibile del pieno e del vuoto. Ma gli uomini possono salvarsi perché sanno che più della philopsychia – la micragnosa, infame avidità di vita – valgono pietà, dignità, pudor. L’ultima immagine del poema di Lucrezio è una immagine bella e coraggiosa: nell’infuriare della peste di Atene, i migliori vanno incontro alla morte pur di non lasciar soli i loro cari. E nella confusione generale il certamen diventa la nobile lotta della pietas, la rivendicazione del pudor: poter seppellire i propri cari. 

La necessità di una ‘costituzione di Internet’. La visione profetica di Stefano Rodotà

di Fiorello Cortiana
(19.4.2020)

 

Il commissario straordinario nazionale per l’emergenza sanitaria Domenico Arcuri ha firmato l’ordinanza con cui il governo italiano sceglie l’applicazione da utilizzare per il tracciamento dei contatti, tra i cittadini: si chiama “Immuni”, è sviluppata da un’azienda milanese Bending Spoons, in collaborazione con il Centro Medico Santagostino. Dai terremoti, alle alluvioni, passando per i rifiuti, è in ragione dell’emergenza che nel nostro paese si compiono forzature.

Non c’è bisogno di essere paranoici per capire che ci sono potenziali implicazioni nell’uso della applicazione ‘immuni’ che richiedono una azione immediata di vigilanza. Il fatto che l’adesione sia, al momento volontaria, e che il codice sorgente del software utilizzato sia aperto, non costituiscono in sé una risposta rassicurante alle perplessità che l’operazione solleva.

In coerenza con la sottrazione di potere di intervento degli ambiti e degli organi istituzionali della democrazia repubblicana in nome della efficienza se non del populismo dell’antipolitica, anche in questo caso si esternalizza una funzione nell’abito della operatività della politica pubblica. Così come il moltiplicarsi di Task Force definisce indirizzi propri degli organi di governo e di rappresentanza, di fatto esautorati.

Nella estensione digitale dello spazio pubblico, la disintermediazione si accompagna alla piena convergenza dei supporti digitali, con una tracciabilità e profilazione assolute della identità di ognuno secondo criteri e codificazioni arbitrarie e con conseguenze discriminatorie in relazione alle garanzie della Costituzione Italiana e del Trattato Costituzionale Europeo. Di più, come è stato ben evidenziato nel caso del ‘Russia Gate’ queste pratiche possono porta anche ad una eterodefinizione manipolatoria delle identità oltre che alla costituzione di identità fittizie e alla messa in opera di azioni atte a manipolare la libera formazione di convincimenti nella opinione pubblica. Il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica (Copasir), intende “approfondire la questione dell’App ‘Immuni’ sia per gli aspetti di architettura societaria sia per quanto riguarda le forme scelte dal Commissario Arcuri per l’affidamento e la conseguente gestione dell’applicazione”.

Quale è il coinvolgimento operativo dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, la privacy? Si tratta di ente detto pubblico con alita giuridica e una funzione di controllo che relaziona annualmente al Presidente della Repubblica e ai rappresentanti degli organi dello Stato.

Nella relazione del 2002 Stefano Rodotà proponeva una nuova dimensione della libertà dei contemporanei, fondata sulla “costituzionalizzazione” della persona. Un modello, creato nell’Unione europea, per la “globalizzazione attraverso i diritti”. Altresì sottolineava ‘l’incessante innovazione scientifica e tecnologia, che congiunge campi fino a ieri lontani come l’elettronica e la genetica, sembra rendere vana ogni pretesa di offrire tutele giuridiche’. Profeticamente richiamava la ricomposizione nel nostro corpo tra la sfera biologica e la sfera antropologica del vivente ‘proprio il corpo, quello fisico e non quello disincarnato delle informazioni elettroniche, è oggi al centro di una attenzione che vuole scandagliarne ogni recesso, utilizzarne ogni possibilità. Qui l’intreccio tra elettronica, biologia e genetica ha già aperto scenari nuovi, insieme promettenti e inquietanti.

Qui si gioca una partita essenziale per il futuro della protezione dei dati, la cui intensità diviene anche la condizione perché ciascuno possa godere delle grandi promesse della genetica. Il corpo sta diventando una password, la fisicità prende il posto delle astratte parole chiave, impronte digitali, iride, tratti del volto, Dna: si ricorre sempre più frequentemente a questi dati biometrici non solo per finalità di identificazione o come chiave per l’accesso a diversi servizi, ma anche come elementi per classificazioni, per controlli ulteriori rispetto al momento dell’identificazione. E il corpo può essere predisposto per essere seguito e localizzato permanentemente.

Già l’intuizione artistica di Walt Whitman nel 1875 cantava il corpo elettrico come relazione corpo-mente e nel 1972 con un altro linguaggio espressivo i Weather Report pubblicavano l’album ‘I sing the body electric’, nel 2002 il Garante lo ha proposto nella chiave politica esplicita e autorevole.

In luogo di un chip sottocutaneo si usano gli smartphone come protesi identificative della relazione corpo-mente-natura, proponendo l’adesione ad un controllo sociale di massa in cambio della sicurezza sanitaria e della possibile libertà di azione.

Nel caso di una codificazione sanitaria potrebbero esserci conseguenze sia di natura assicurativa, sia di natura valutativa in occasione di selezioni specifiche. Con una reciprocità rovesciata una considerazione sociale negativa potrebbe riguardare anche coloro che non aderissero al programma di controllo sociale di massa.

Già oggi ci sono programmi di georeferenziazione dei dati, dei modelli di diffusione, che consentono di incrociare funzioni sociali, percorsi e mezzi usati per pendolarismo studio/lavoro, delle persone che sono state riconosciute affette dal Covid 19. Sono modelli che, in combinazione con i test sierologici, consentono di definire probabilità e perimetri di diffusione del contagio al fine di utilizzare i tamponi di rilevazione in modo finalizzato, sia al fine di circoscrivere il contagio che di definire le regole comportamentali per il distanziamento individuale e la distribuzione e l’utilizzo dei dispositivi sanitari. Si tratta di un modello già operativo a punto in house dalla Città Metropolitana di Milano che consente, ad esempio, di vedere quali dispositivi sono stati forniti e a chi. Una pratica di rendicontazione e trasparenza.

C’è da augurarsi che la Regione Lombardia condivida i dati sui cittadini positivi e sui deceduti. È evidente l’utilità della tracciabilità dei comportamenti per ciò che riguarda domotica e il ciclo dei consumi energetici e della generazione di rifiuti, così per la infomobilità con la relazione tra traffico-congestione-incidentalità-emissioni-produttività, diversi sono il corpo e il profilo identitario di ognuno di noi. Il mercato dei Big Data, il data mining è questo, ma ci sono dati che non possono diventare merce, ci sono diritti che non possono sottostare alle ragioni del mercato e dei quali occorre tutelare la indisponibilità.

Open data, accountability, trasparenza, partecipazione informata, valorizzazione delle istituzioni e della rappresentanza, sono elementi costituivi di una politica pubblica capace di liberarsi in chiave innovativa dal doppio vincolo ‘ o insicurezza virale o controllo sociale diffuso’. Nelle conclusioni della relazione del 2002 Rodotà profeticamente avvertiva che ‘Se non si arriverà a questa “costituzione di Internet”, le regole rischieranno d’essere dettate soprattutto dalle logiche tecnologiche e dalle logiche (e dalle censure) di mercato.’. Che fine ha fatto la proposta italiana al WSIS dell’ONU per un Internet Bill of Rights? Il Brasile ha tradotto il protocollo condiviso con l’Italia nel Marco Civil, da noi la Commissione presieduta da Rodotà e promossa dalla Presidente della Camera ha consegnato al Parlamento una proposta unanime, che fine ha fatto?

 

 

 

Legislazione d’emergenza vs autonomia universitaria

di Saverio Regasto
(da Roars, 22.4.2020)

[Il breve e utile articolo di Regasto mostra con chiarezza l’ennesimo e grave vulnus subito dalla tanto conclamata, quanto sempre più inesistente, autonomia universitaria] 

L’emergenza da Covid19 che sta vivendo il nostro Paese, non ha solo mandato in crisi il sistema sanitario (in particolare di alcune Regioni, e fra queste la più ricca e meglio organizzata di esse, la Lombardia, perché in altre – Calabria in primis – non vi è stata alcuna soluzione di continuità fra “dissesto pre-pandemia” e “crisi da Coronavirus”), quello produttivo dell’intero Nord, i rapporti, peraltro già tesi, fra il nostro Paese e le Istituzioni Europee, ma anche quel che appariva già ampiamente traballante da alcuni anni, il sistema delle fonti del diritto. Illustri costituzionalisti, a partire dal massimo esperto vivente di fonti, Antonio Ruggeri, Maestro indiscusso, che al tema ha dedicato gran parte della sua sconfinata produzione scientifica, anche molto di recente hanno sottolineato e ribadito come questi straordinari eventi abbiano dato un colpo pressoché definitivo alla sistematica delle fonti nel nostro ordinamento giuridico.[1]

A tal riguardo e alla luce dei numerosi provvedimenti di vario rango emanati dallo Stato e dalle Regioni, ci si è molto correttamente domandato se la sospensione di diritti fondamentali o inviolabili riconosciuti e tutelati dalla Costituzione repubblicana possa essere correttamente prevista da norme di rango primario, ma adottate nell’esercizio della funzione legislativa, dal governo o, peggio, da norme secondarie (Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, Ordinanze, ecc.) o, infine da norme primarie delle Regioni.

Non possiamo non notare che, ogniqualvolta nel nostro Paese ci si riferisce alla legislazione dell’emergenza (e in questo momento pensiamo alle disposizioni normative limitative delle libertà personali adottate per combattere il terrorismo negli anni di piombo) si vuole in realtà intendere, facendo leva su presunte necessità di efficacia ed efficienza dell’azione, all’idea di procedere alla “sospensione” (o anche solo “limitazione”) delle libertà personali, attraverso il più agile (ma quanto costituzionalmente legittimo?) strumento dell’atto avente forza di legge, o, peggio, dell’atto monocratico del capo dell’esecutivo, secondo un atteggiamento assai discutibile che fa leva sull’ovvio adagio secondo il quale il fine giustificherebbe il mezzo.

Una riflessione, ben più approfondita, si imporrebbe sul concetto della “democrazia ai tempi dell’emergenza” e sui limiti alla sospensione della Costituzione, ma essa travalicherebbe il senso di questo breve intervento volto a sottolineare, ancora una volta, la cedevolezza di alcuni istituti in ragione della presunta emergenza.[2]

Ci riferiamo, in particolare, alle recenti disposizioni emanate con D.L. n. 22 dell’8 aprile 2020, che, fra l’altro, nel tentativo, a nostro giudizio molto maldestro, di “sostenere” il sistema universitario italiano in un momento particolarmente delicato (tutti gli Atenei sono praticamente chiusi, le lezioni del secondo semestre si tengono esclusivamente da remoto, ma anche gli esami, quelli orali e talvolta anche quelli scritti, si tengono online, non senza perplessità e incertezze perché l’infrastruttura tecnologica non consente di verificare la correttezza e trasparenza della prova il personale tecnico amministrativo lavora da casa, le biblioteche sono chiuse, ecc.), “sospende” l’autonomia universitaria costituzionalmente garantita, sancendo il rinvio al termine dell’emergenza sanitaria del rinnovo di tutte le cariche accademiche (monocratiche e collegiali) in itinere degli Atenei (confrontare, a questo proposito, l’art. 7 del Decreto Legge).[3]

Il legislatore non si limita a prevedere, come pure poteva e doveva fare, che i singoli Atenei, a loro discrezione e con delibera degli organi preposti, potevano procedere al rinvio delle elezioni degli organi in scadenza nel periodo dell’emergenza, ma, cosa ben più grave, ne ordina direttamente la sospensione, privando le Università di ogni discrezionalità al riguardo, procedendo a estendere il regime di prorogatio degli attuali titolari delle cariche e provvedendo, altresì a individuare gli eventuali sostituti che, nella pienezza dei poteri, esercitano le relative attribuzioni.

L’estensore della norma ha conoscenza molto profonda del sistema universitario (non fosse altro perché fa riferimento al decano dei docenti di prima fascia, figura del tutto sconosciuta ai non addetti ai lavori), ma nel tentativo, a giudizio di chi scrive molto mal riuscito, di non gravare i singoli Atenei anche della organizzazione “a distanza” delle procedure elettorali, ha finito per “abbattere” ogni residuo dubbio sulla cedevolezza dell’autonomia universitaria e sull’uso strumentale che di detta autonomia viene fatto nel dibattito politico, accademico e, da ultimo, ma non per ultimo, fra i giuspubblicisti.

La lezione che mi pare si possa correttamente trarre dalla disposizione pubblicata ieri nella Gazzetta Ufficiale, conferma, ancora una volta, quanto il Maestro Antonio Ruggeri da tempo va sostenendo in ordine alla confusione che regna sotto il cielo del diritto costituzionale in Italia (e in particolare nel sistema delle fonti).

Note

[1] Cfr. A. Ruggeri, Il coronavirus, la sofferta tenuta dell’assetto istituzionale e la crisi palese, ormai endemica, del sistema delle fonti, in Consulta Online, 1, 2020; S. Prisco, F. Abbondante, I diritti al tempo del coronavirus. Un dialogo, in federalismi.it, 2020.

[2] Invero la Costituzione non ha inteso disciplinare – eccezion fatta per lo stato di guerra – alcuna situazione di emergenza anche al fine di evitare di prevedere una specifica disposizione volta a disciplinare la eventuale sospensione dei diritti fondamentali e, più in generale lo stato d’eccezione. Memore, evidentemente, di quanto statuito dalla Costituzione di Weimar (art. 48) e dell’abuso che di esso fece il regime nazista. La memoria storica non ha impedito, tuttavia, al governo ungherese di chiedere (ed ottenere) dal Parlamento l’approvazione di una legge che, nell’esercizio dei poteri straordinari di cui all’art. 53 della Legge Fondamentale di quel Paese, ha affidato all’Esecutivo la facoltà di sospendere la vigenza di alcune leggi in ragione dell’emergenza sanitaria. La lettera e lo spirito del provvedimento normativo approvato dal Parlamento ungherese (che di fatto si autosospende a favore del governo) confermano, ancora una volta, la vocazione autoritaria che pervade alcuni Paesi dell’Est, peraltro membri dell’Unione europea.

[3] Per una puntuale ricostruzione del tema dell’autonomia universitaria cfr. R. Calvano, La legge e l’Università pubblica. I principi costituzionali e il riassetto dell’Università italiana, Napoli, 2012.

Testo apparso anche su Diritti Fondamentali.

Università post lockdown. Circolare del ministero e risposte

Ai docenti e agli studenti delle università italiane

di Alberto Giovanni Biuso, Monica Centanni, Giacomo Confortin
(23.4.2020)

Il primo pdf che pubblichiamo contiene le linee guida del Ministro dell’università e della ricerca (Ministro maiuscolo; università e ricerca rigorosamente minuscole: vedi carta intestata) sottoposte al parere degli organi rappresentativi delle università italiane (Crui, Cun, Cnsu). Si tratta di un documento pubblico, anche se non proprio reso pubblico, ed è bene che leggiamo tutti per tempo cosa ci aspetta; che impariamo per tempo (anche dalle – mostruose – scelte lessicali e retoriche) ciò che ha in testa il ministro sul futuro più o meno prossimo della nostra università.

Il secondo e il terzo pdf contengono la risposta del Cun e della Crui e, a parte le generiche raccomandazioni in cui risuona più che altro una petizione di principio, non pare propriamente deciso e rigoroso, e comunque risulta di fatto molto poco incisivo sulle decisioni che il ministro, evidentemente, ha in animo di prendere. Questo il quadro in cui si stanno muovendo le “Autorità competenti”.

Siamo ben oltre le peggiori previsioni, e le scelte lessicali sono spie significative: “minimizzare”, “contingentare”, “decomprimere”, “limitare”… almeno fino a gennaio 2021.

Ad alcuni colleghi pare vada bene così: si sente dire “e cos’altro si potrebbe fare?”; o anche “sto facendo tutto come prima, ma in modo diverso” – qualcun altro già dice che in fondo “è anche meglio”. C’è poi la gara ad esibire i propri “sacrifici”, imposti dalla situazione presente; mentre altri, comunque, massacrano le proprie giornate, ora dopo ora, ma senza averne in cambio neppure il conforto di aderire a un’etica del “sacrificio”, perché vivono la passione per lo studio, la didattica, la ricerca.

C’è chi si richiama alle “autorità”, al “rispetto dei ruoli”, alla fiducia – a volte ben riposta – negli organi di governo delle singole università. C’è anche chi richiama il (sempre scivolosissimo) argomento delle “competenze”, ma forse tutti, noi professori, siamo “competenti” a esprimere il nostro giudizio e il nostro pensiero, dato che ne va del regime della nostra professione ovvero, per molti di noi, della nostra stessa vita. Insomma – ognuno ha i suoi gusti etici, estetici, e financo retorici.

Alcuni dicono che “siamo pagati per insegnare e in un modo o in un altro va fatto”; c’è invece chi ha l’idea di essere “retribuito” non per “erogare” servizi, magari in forma blended (terrificante), ma anche – e anzi soprattutto – per pensare e per studiare, anche se forse il ministro non sa che ci paga per questo, e dà per scontato che diciamo tutti in coro, spegnendo ogni luce di pensiero critico su quanto stiamo subendo, “e cos’altro si può fare?”. Anzi – meglio se non diciamo proprio niente, ed eseguiamo ubbidienti le ingiunzioni che arrivano i giorni dispari in un modo, quelli pari in un altro, tutte rigorosamente, ‘scientificamente’ basate su imperscrutabili pronostici astrologici e cabale misteriosofiche. In realtà, temiamo, su precisi e ben tracciabili interessi.

Perciò, scorso il testo ministeriale, sorge lecito un dubbio di natura linguistica – lessicale, sintattica, retorica, ovvero concettuale – che il “nemico invisibile” viva due vite distinte, una vita batterica e una vita burocratica. Una volta riposta l’“autonomia” nel preambolo, infatti, c’è di seguito lo spazio per scandire le nostre “fasi” future, in una lingua surrettiziamente astratta e omertosa, del tutto impropria in un comunicato ufficiale di questi tempi di crisi.

Il problema è – anche – grammaticale: i destinatari sono trattati in termini di “singoli” o al massimo di una pluralità di individui, che prevede al limite “piccoli gruppi” – non già nei termini di una molteplicità fatta di singoli soggetti corpimente, che costituiscono però anche un corpo multiplo e collettivo.

In termini spaziali, i lunghi spostamenti e la stessa mobilità di studenti e docenti vanno ridotti, quasi che bisognasse fermarsi a metà strada. Dallo sfondo del paesaggio accademico, tristemente ammutolito per tanta parte, se non ovunque, il Ministro emerge soltanto nella veste di vigile-bidello che dirada il traffico nei corridoi.

È come se del visibile, di tutta la realtà vibrante sotto le carte intestate, ci si occupasse allo stesso modo dell’invisibile, del virus di cui vanno tracciati gli effetti sui nostri corpi. È come se qualcuno confidasse nel sospetto del contagio, per non dover operare distinzioni nel suo contenimento. Non pare proprio che al Ministero abbiano chiara la vita della quale necessita l’Università in Italia, come ovunque nel resto del mondo: perché “limitare” i corpi, fino a data da destinarsi, significa fare altrettanto con le menti che vi sono contenute, farne entità separate e in quanto tali innocue.

Una delle espressioni più gravi della perdita di vita collettiva che stiamo subendo, d’altronde, è la rinuncia di fatto a insegnare. Insegnare è infatti un’attività e una sfida che consiste nell’incontro tra persone vive, tra corpimente che occupano lo stesso spaziotempo non per trasmettere nozioni ma per condividere un mondo. Insegnare significa costruire giorno dopo giorno, saluto dopo saluto, sorriso dopo sorriso una relazione profonda, rispettosa e totale con l’Altro, in modo da riconoscersi tutti nella ricchezza della differenza.

Insegnare significa abitare un luogo politico fatto di dialoghi, di conflitti, di confronto fra concezioni del mondo e pratiche di vita. Insegnare non significa erogare informazioni ma scambiare saperi.

A distanza tutto questo è semplicemente impossibile perché l’università non è un servizio amministrativo, burocratico, formale, che possa essere svolto tramite software; l’università è un luogo prima di tutto fisico, dove avviene uno scambio di totalità esistenziali.

Senza relazione tra corpi, tra sguardi, tra battute, tra sorrisi, tra esseri umani, e non tra piattaforme digitali; senza le persone vive nello spaziotempo condiviso, non esiste insegnamento, non esiste apprendimento, non esiste università.

Soprattutto, è vero il fatto, estetico carnale filosofico, che non esistiamo per noi stessi; che veniamo quotidianamente alla nostra conoscenza attraverso lo sguardo di un altro. Lo sguardo di un docente su di noi, che ricambiamo quasi con l’affetto o con la rabbia che porta un figlio; e lo sguardo cui non rispondiamo di uno studente, per fretta o pudore di essere incompresi. Ma questi e gli altri sguardi complessi e irriducibili, che sono il cuore e la sostanza della didattica, nessuno sarà mai possibile a distanza.

C’è da chiedersi allora quali interessi – perché non può trattarsi soltanto di cialtroneria, pressapochismo e irresponsabilità – muovano il Ministro dell’università e della ricerca a prendere decisioni così gravi – addirittura prima che siano stati presi i provvedimenti generali dal governo, decise le date, valutata la curva dell’epidemia. Prima che nulla si sappia davvero, il Ministro sa già cosa sarà dei nostri corpi.

Qualcuno sta calcolando il regalo che stiamo facendo non solo alle piattaforme private, pronte a garantire la nostra ‘telepresenza’ (bell’ossimoro…), volteggiando come rapidi avvoltoi sul cadavere di quella che fu l’università italiana, ma anche alle ben 11 università telematiche parificate (un monstrum mondiale) che punteggiano il paesaggio universitario italiano?

Non possiamo permettere che degli schermi riducano la conoscenza ad alienanti giornate dietro e dentro un monitor. La vita trasformata in rappresentazione televisiva o digitale diventa finta, si fa reversibile nell’infinita ripetibilità dell’immagine, nel potere che l’icona possiede di fare di se stessa un presente senza fine. Abituandoci a sostituire le relazioni del mondo degli atomi con la finzione del mondo dei bit, rischiamo di perdere la nostra stessa carne, il senso dei corpi, la sostanza delle relazioni. Non saremo più entità politiche ma ologrammi impauriti e vacui.

Studenti e docenti non siamo pixel su un monitor ma umani nello spazio e nel tempo.

“Ampi dispiegamenti di mezzi per perseguire illeciti che non esistono”

Lettera aperta di 9 magistrati di Aosta, e altri

 

“Ampi dispiegamenti di mezzi per perseguire illeciti che non esistono”. Lettera aperta di 9 magistrati di Aosta e altri
Redazione ANSA AOSTA
(21 aprile 2020 15:35  News)

“Con estremo sconforto – soprattutto morale – abbiamo assistito – ed ancora assistiamo – ad ampi dispiegamenti di mezzi per perseguire illeciti che non esistono, poiché è manifestamente insussistente qualsiasi offesa all’interesse giuridico (e sociale) protetto”. Lo affermano, in riferimento al divieto di passeggiate, nove magistrati di Aosta in qualità di “cittadini”: Eugenio Gramola, presidente del tribunale, i giudici Anna Bonfilio, Maurizio D’Abrusco, Luca Fadda, Davide Paladino, Marco Tornatore, Stefania Cugge (giudice a Ivrea) e i pm Luca Ceccanti ed Eugenia Menichetti.

“In un territorio – scrivono in una lettera aperta – qual è quello valdostano – ma anche altrove, in zone di campagna o collinari su tutto il territorio italiano – ove molti comuni hanno una densità di popolazione assai limitata a fronte di un territorio in gran parte esteso in zona rurale, che pericolosità rivestono le condotte di chi, per sopravvivere alla situazione pesante in cui tutti viviamo, avendo la fortuna di abitare in comune montano – o comunque in zone isolate – (con gli inconvenienti ben noti in condizioni normali, soprattutto in stagione invernale, per spostamenti anche ordinari) faccia una passeggiata nei boschi ‘osando’ allontanarsi anche per qualche chilometro dalla propria abitazione, laddove superate le ‘quattro case’ del paese – proprio nel raggio delle poche centinaia di metri di spostamento consentito od almeno tollerato – si spinga fino alle zone solitarie di montagna dove – se ha fortuna – potrà incontrare forse qualche marmotta, o capriolo o volpe, transitando al più in prossimità di qualche alpeggio, al momento anche chiuso”.

Quindi “fermo restando che è compito delle Forze di Polizia, e prima ancora dell’autorità politica che ne dirige l’operare, decidere come e dove concentrare i controlli sull’osservanza delle disposizioni emanate dal Governo, è difficile non chiedersi se davvero non si sappia immaginare un modo più utile per spendere il danaro pubblico, in settori ove ce n’è ben più bisogno per le tante necessità urgenti delle strutture sanitarie o per più seri interventi di prevenzione e protezione degli anziani in strutture di accoglienza”.

“Tutto ciò – aggiungono i magistrati – avviene con sacrificio estremo, manifestamente non necessario, di diritti fondamentali di libertà personale e di circolazione dei cittadini di cui alla parte I della Costituzione, che meriterebbe rinnovata lettura ed attenta meditazione. Non dimentichiamo che le norme che vengano ad incidere e sacrificare diritti costituzionalmente garantiti, anche a tutela di altri diritti di pari rango che vengano a confliggervi, sono comunque sempre soggette a stretta interpretazione e perdono ogni legittimazione laddove le condotte sanzionate siano prive di lesività per il bene preminente salvaguardato”.

Nell’ambito dell’emergenza da coronavirus, in Valle d’Aosta è prevista “in senso ulteriormente restrittivo” rispetto alla normativa nazionale (per via di una ordinanza regionale) la possibilità di svolgere attività motoria e di uscire con l’animale da compagnia “solo in prossimità della propria abitazione”, ricordano giudici e pm. Nella lettera aperta fanno riferimento in particolare alla “Circolare del Ministero dell’Interno 31.03.2020”, in cui si ricorda che “la finalità dei divieti” risiede “nell’esigenza di prevenire e ridurre la propagazione del contagio” e che “il perseguimento della predetta esigenza implichi valutazioni ponderate rispetto alla specificità delle situazioni concrete”.
Inoltre “non sarebbe forse ‘strategicamente’ più utile limitare l’applicazione dei provvedimenti in vigore nell’ambito effettivamente necessario per il perseguimento dei fini loro propri di contenimento dei rischi reali – e non immaginari – di diffusione dell’epidemia in atto, salvaguardando il più possibile le libertà fondamentali dei cittadini?

Ciò perché i cittadini stessi, ben consapevoli e largamente convinti della necessità di un regime comunque restrittivo, poiché coscienti – per la maggior parte almeno – dei rischi conseguenti al mancato contenimento della diffusione epidemiologica in atto, sarebbero così assai più motivati e spontaneamente disposti al pieno rispetto della normativa vigente, ragionevole ed equilibrata, e non si sentirebbero invece costretti a cercare i più umilianti sotterfugi per sottrarsi a solerti controlli che finiscono per essere percepiti come gratuite persecuzioni di nessuna utilità per l’effettiva tutela del bene della salute pubblica”.

Infine “se superassimo il pericolo da coronavirus lasciando sul tappeto libertà fondamentali e diritti primari di libertà che oggi vengono seriamente posti a rischio da condotte repressive non adeguate rispetto ai fini perseguiti, che risultato avremmo conseguito?”.