La Civita

di Alberto Giovanni Biuso
(19.4.2020)

 

Nella mia quasi quotidiana passeggiata per Catania ho visitato oggi la Civita, il cuore antico e popolare della città. Anche queste case sghembe, questi edifici malmessi che emergono dietro e accanto la mole del Teatro Massimo, anche queste stradine che si aprono in trapezi a forma di cortili, anche tutto questo è di una bellezza struggente nei pomeriggi di una primavera senza i corpi.

Non ho incontrato nessun’auto o pattuglia delle ‘forze dell’ordine’. In effetti non sono necessarie. A trasformare gli umani in topini impauriti nelle loro tane è sufficiente il terrore che televisioni e stampa diffondono, ripetendo le veline della Presidenza del Consiglio. Credo che l’informazione potrebbe essere riunita sotto un’unica testata: Il virus.