Vivere, non sopravvivere

Uno spazio per il tentativo di capire, pensare, opporsi al sabba dei controllori, delatori, millenaristi, profittatori, pastori di gregge e di tutta la varia umanità che sembra ubriacata dal vino andato a male del controllo totale. Il deperimento istituzionale si alimenta per inerzia e senza nemmeno che occorra la mano di un regista: banalità del male. È bene dire apertamente e a voce forte e chiara che vogliamo vivere, non sopravvivere >>>

__________________________________________

60.000 nuovi para-poliziotti ‘civici’

redazione di corpi e politica
(25.5.2020)

(Fonte: Televideo)

La pallina sul piano inclinato continua a scendere e, inevitabilmente, ad acquistare velocità. 60.000 persone in divisa, assunte nei modi più oscuri e incaricate di vessare i cittadini. Questo significa, tra l’altro, che il Governo ha in mente una Fase2 a tempo indeterminato. Immaginiamo che i sostenitori dell’esecutivo, compresi gli estensori di appelli pro-Conte, vedano in tutto questo una garanzia democratica.

Ma che cosa è valso dedicarsi agli studi su Marx, Nietzsche, Foucault, Canetti, Deleuze se poi si obbedisce in modo convinto e completo alle ingiunzioni di un’autorità confusa e contraddittoria, che nasconde i nomi dei propri ‘consulenti’, manipola numeri e scenari e adesso aggiunge degli sgherri per incutere terrore? Tanto valeva leggere Sorrisi e Canzoni TV.

Il Governo ne dà conferma, sarà una milizia di delatori:
«Aiutare nell’organizzazione del distanziamento sociale. […] In caso di assembramenti non potranno chiedere i documenti ma solo segnalare a vigili e forze dell’ordine».

Una vera e propria MVSN, Milizia Volontaria per la Salute Nazionale.
Di che colore saranno le camicie?

 

_______________
nel sito, per capitoli

corpi e libertà

Perché l’uomo è animale sì, ma animale politico >>>

corpi e teledidattica

L’Università è un luogo, uno spazio mentale, un tempo, fatti di lezioni ma anche, soprattutto, di relazioni. L’Università è intessuta del rapporto quotidiano,  costante, profondo e reale >>>

corpi e teatro

Attacco agli spazi pubblici, in primis i teatri: aggressione alla vita activa e alla sua prima incarnazione – lo spazio collettivo della ‘realtà aumentata’ che è il teatro >>>

corpi e numeri

La contabilità dei corpi – malati, sanati, morti di morti più o meno gravi, più o meno ‘naturali’ – si fa sempre più macabra, il modo in cui le fonti istituzionali e giornalistiche ‘danno i numeri’ è sempre più opaco, meno decifrabile >>>

corpi e mutazioni

La povertà delle relazioni, la vita confinata nel mondo dei bit invece che in quello degli atomi, produce distorsioni percettive ed estetiche, metamorfosi individuali e politiche >>>

corpi e cartoline

La città vuota non è bella ma disperata e sola. Morte non solo a Venezia: cartoline dal vuoto, dal deserto politico ed estetico che ha invaso le città >>>

corpi e sapere

Corsa alla teledidattica, attacco agli spazi pubblici della vita activa come i teatri e le università >>>